Enter your keyword

sabato 26 marzo 2016

Recensione "Daria" di Lorenzo Marone - La Gru



La storia di Tommaso, speaker radiofonico allergico alle responsabilità e Peter Pan incallito e di Daria, sua figlia. La storia della crescita di un rapporto, le vicende dolci e amare di una famiglia rinata per forza e per destino. Tra ironia, emozioni, escursioni in supermercato, saggi di danza, Lorenzo Marone ci guida, con una facilità straordinaria, nella vita di due persone che imparano a conoscersi in modo delicato.

Titolo: Daria
Autore: Lorenzo Marone
Editore: Le Gru
Data di pubblicazione: Dicembre 2012
Pagine: 200





TRAMA: 5  PERSONAGGI: 5   STILE: 5  COPERTINA 5 




Anche questa volta, davanti a questo libro, io mi sono ritrovata a pensare, durante tutta la lettura: "Ma come fa, Lorenzo? Dove trova la capacità, ogni volta, di rendere una storia, anche la più semplice, così intensa, così piena, così bella?".
Ecco! Come fai, Lorenzo? Dillo all'amica tua!

In questo libro è racchiusa quella che, forse, è l'essenza della famiglia. Quella famiglia che nasce per forza, perché una serie di eventi ti costringe ad assumerti responsabilità ed impegni che hai sempre cercato di evitare.
Tommaso è il classico Peter Pan, un uomo che rifugge dalle responsabilità; uno che, nonostante abbia una figlia di nove anni, non ha mai fatto il padre; che è attratto dalle donne, ma scappa dai rapporti.
Ma la vita, lo sappiamo, se ne frega di ciò che vogliamo! E così, da un giorno all'altro, Tommaso dovrà essere padre per forza, perché Maria, la sua ex moglie, muore in un incidente e lui si ritrova a dover convivere con Daria, quella figlia per cui è fondamentalmente un estraneo.
Ma Daria è forte! È un personaggio meraviglioso! Una bambina di 9 anni la cui vita viene sconvolta da un giorno all'altro e che, nonostante tutto, a quella vita cerca di non darla vinta.
E così ci troveremo catapultati nella vita dei nostri due personaggi, ad assistere a quell'adattamento che ogni coppia ha la necessità di affrontare quando si trova, improvvisamente, sotto lo stesso tetto!

In duecento pagine, Lorenzo è riuscito a racchiudere una storia forte, dei personaggi che non è possibile non amare. In duecento pagine ci ha raccontato come un padre ed una figlia possano scoprirsi innamorati l'uno dell'altra, come una bambina di 9 anni possa capire che quel papà, per quanto sia sempre parso incapace di ricoprire il ruolo che gli è stato assegnato dalla vita, le voglia un bene dell'anima.

Sarà che per me l'argomento "papà" è un tasto dolente, ma io questo libro l'ho sentito tanto mio!
Ho amato alla follia il modo in cui Tommaso ha rivoluzionato la sua vita da eterno ragazzo per fare spazio a Daria. Ok, lo so. Un padre dovrebbe esserci sempre. Ma chi non sbaglia? Chi non commette errori? Tommaso, quando è arrivato il momento, c'è stato. E, per me, questo conta più di qualsiasi altra cosa. 
Tommaso era lì per Daria quando Daria ha avuto davvero bisogno di una nuova famiglia, di una nuova realtà. E ha cambiato tutto per lei!
Perché Tommaso era uno che le serate le trascorreva con gli amici, tra partite a poker e calcio in tv; uno che non ha mai lasciato spazio a nessuna donna, che non ha mai permesso a nessuno di intrufolarsi nella sua vita, che aveva attacchi di orticaria ogni volta che una donna si fermava a casa sua più del dovuto!
E il modo in cui, invece, ha aperto la porta a sua figlia, in cui ha rivoluzionato tutto in funzione sua... ecco, è una delle cose più tenere e belle che io abbia mai letto!

Ma Daria? Oh, Daria!!! Io, che i bambini li ho sempre guardati con una certa diffidenza, di questa novenne mi sono letteralmente innamorata! Daria è cresciuta con una madre che le ha dato mille regole, una di quelle persone perfettine (sì, una come me!), precise, pignole all'inverosimile.
Immaginatevi questa bambina che, da un giorno all'altro, si ritrova con un padre che, tutto sommato, è più piccolo di lei! Uno che le regole le ha sempre evitate, che mangia le patatine fritte con le mani e che "no, la Coca Cola Zero no. Se dobbiamo farci male, facciamolo bene!".
Uno che se ne frega se non ti lavi i piedi 10 volte al giorno o se guardi la tv sino a tardi e ti addormenti sul divano! Ecco, Tommaso è così!
Uno che ti fa ridere perché va in bagno con la porta aperta e che, quando sua figlia gli passa davanti, per chiudere al volo quella porta, fa pipì per tutto il bagno!!

Tommaso è un maniaco delle liste e, durante tutta la storia, ci racconta, proprio sotto forma di lista, le cose che ha scoperto vivendo con Daria, le cose che ha fatto da quando vive con Daria. E qui partono le lacrime e le risate e poi di nuovo le lacrime e poi ancora le risate.

Insomma, leggere un libro di Lorenzo porterà la gente a pensare che soffriate di bipolarismo. Leggere un libro di Lorenzo è deleterio perché, dopo, tutto vi farà schifo, nessun altro romanzo sarà all'altezza e vagherete per casa come anime in pena alla ricerca di una soluzione!
Ma leggere un libro di Lorenzo è una delle cose più belle che vi possa capitare nella vostra vita di lettori!
Lorenzo è uno che ti riempie l'anima di parole, il cuore di sentimenti e gli occhi di lacrime.

Quindi, adesso rido perché questo libro è fuori catalogo e io e Salvia ce ne siamo accaparrate le ultime due copie disponibili su Amazon e ce ne stiamo qui, belle e beate, a guardare voi che soffrite perché non potrete leggerlo.

E ovviamente #vogliamolorenzoachetempochefa

Infine, per riprendere le liste di Tommaso e Daria concludo con le 10 cose che mi passano per la testa dopo questa lettura:

  1. Io ho un gran culo, perché posso chiamare Lorenzo o scrivergli quando mi pare (sborona io!!!) e discutere con lui dei suoi libri... e, onestamente, anche un po' rimproverarlo perché mi fa sempre piangere! Ora rosicate pure! 
  2. Cesare rimarrà sempre l'uomo della mia vita, Erri è il fratello che non ho, ma un papà come Tommaso io ho avuto la fortuna di averlo, quindi voglio un gran bene anche a lui! 
  3. Daria è saccente, precisina, pignola e rompiscatole. Ma è la prima bambina che ho incontrato in un libro e che avrei volentieri ospitato a casa mia! 
  4. I libri di Lorenzo cominciano a scarseggiare (mi è rimasta solo una raccolta di racconti) e poi sarà crisi nera! 
  5. Fatevelo prestare da Salvia perché io la mia copia non la cedo (prevedo una spennacchiata, ma tentar non nuoce!) 
  6. Le liste sono il mio pane quotidiano, quindi in questo libro io avrei potuto viverci! 
  7. Se Lorenzo non si sbriga a tirare fuori un altro romanzo, io finisco alla neuro 
  8. Quando Lorenzo tirerà fuori il prossimo romanzo, alla neuro ci finiranno le mie amiche (e sarà tutta colpa mia!) 
  9. Flavia, ti prego, non odiarmi!
  10. La signora Meucci è una gran donna e non smetterò mai di ringraziarla!




25 commenti:

  1. Altra lettera "d'amore" per Lorenzo, altro romanzo in lista. :)

    RispondiElimina
  2. COSA COSA COSA?
    Ma porc ... Laura, questa è cattiveria bella e buona!
    A saperlo prima, che voi due nate con la camicia vi siete sgraffignate le ultime due copie, neanche mi fermavo a leggerla questa succulenta recensione.
    Visto che sei in contatto con Dio Lorenzo, magari-magari-magari potresti intercedere presso di lui per noi comuni mortali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che anche Dio Lorenzo, in questo caso, non possa aiutarvi! Però chiedo, eh!

      Elimina
  3. Il libro mi interessa, ancor di più ora dopo la tua recensione. Suggerisco alle lettrici che volessero leggerlo di rivolgersi alla propria biblioteca e di farlo richiedere con prestito interbibliotecario. Andando sul sito del sistema bibliotecario nazionale (www.sbn.it) possono infatti vedere che tre biblioteche lo possiedono e più precisamente:
    Biblioteca comunale Dino Pieraccioni - Firenze - FI
    Biblioteca Comunale - Castiglione Torinese - TO
    Biblioteca civica Nuto Revelli - Piossasco - TO
    Basterà chiedere gentilmente al bibliotecario di informarsi su costi e modalità di spedizione: di solito viene chiesto rimborso delle spese di spedizione (1.28 x 2).
    Un saluto e buona ricerca.
    Lea

    RispondiElimina
  4. Buona Pasqua cara Libridinosa!
    sempre lea

    RispondiElimina
  5. 1. Tu sei carogna
    2. Tu sei carogna dentro perché gongoli
    3. Vai a giocare coi tombini aperti
    4. Erri io me lo sposo
    5. Lorenzo hai creato un mostro
    6. Voglio questo libro
    7. Libro... Ora... Subito....
    8. È arrivato libro?
    9. Uffa
    10. Colpa tua sorella....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1. Carogna è bello
      2. Goooongooooolooooo
      3. I tombini sono chius
      4. Erri tutto tuo, io... Vabbè, hai capito!
      5. Lorenzo vuole bene a me!
      6. No, libro mio!
      7. No...no...no...
      8. Ti ho detto no
      9. Uffa tu
      10. Io previdente ho comprato prima di te. Tiè!

      Elimina
  6. 1.Iniziamo a tempestare i social con il nuovo hastag?
    2.La.tentazione di ucciderti
    3.La tentazione di essere quella che ti uccide
    4.La tentazione di guardarti esalare l'ultimo respiro mentre ti ciulo il libro
    6.Non ti uccido solo perché Santa Lea ha trovato il modo di farmelo leggere con il prestito interbibliotecario
    7.Ringraziala
    8.Ringraziala ancora
    9.Ringraziala di nuovo
    10.Buona Pasqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1. #vogliamodariainlibreria
      2. Non puoi uccidermi!
      3. Non tu almeno
      4. Tocca il libro e ti ammazzo io
      Hai saltato il punto 5
      6. Santa Lea
      7. Grazie Leuccia
      8. Grazie ancora Leuccia
      9. Grazie di nuovo Leuccia
      10. Mi hai comprato l'uovo?

      Elimina
    2. 1.#pretendiamodariainlibreria
      2.Perché no?
      3.Chi l'ha stabilito?
      4.Ti conviene portartelo sempre dietro
      5.Vedo che non sei rincretinita del tutto
      6.Santa Lea
      7.Salvatrice di Libridinose
      8.Protettrice delle Carogne
      9.Grazie che mi salvi dalla galera
      10.L'ho comprato e me lo magno pure, che tu non lo meriti

      Elimina
  7. BIP... BIIP... BIIIIIIIP.... Ti ignoro perché tu DEVI SAPERE che minero messa nel carrello di Amazon tutti i libri di Lorenzo per averli tutti in cartaceo. Giovedì ho fatto un ordine e mi diceva che Daria non era disponibile quindi mi sono detta: "Aspetto, così magari torna disponibile." BIIIIIIIIIIIIIIIIIP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egli...se Stefi lo legge in una settimana, io lo leggo in una settimana...facciamo in tempo a passartelo. Buona Pasqua! Lea P.s. comunque vi aggiorno appena vedo cosa mi ha risposto la biblioteca! #lorenzomaronepertutte

      Elimina
    2. Era Eli. Correttore illetterato

      Elimina
    3. Volevo andare a vedere in biblioteca da me ma se lo hai mi accodo. Grazie Lea!

      Elimina
    4. Da te non lo hanno...non ne esiste copia in tutto il Friuli. Si, se riesco ad averlo te lo passò io. Ho già inviato la richiesta. ;-)
      Lea

      Elimina
    5. Da te non lo hanno...non ne esiste copia in tutto il Friuli. Si, se riesco ad averlo te lo passò io. Ho già inviato la richiesta. ;-)
      Lea

      Elimina
    6. Voi non potete immaginare come gongoliamo io e Baba quest'oggi!

      Elimina
  8. Anche io lo vogliooooooo! Madre e sorella snaturate!!! Vengo a casa vostra e ve lo rubo!

    RispondiElimina
  9. Nooo, non è giusto!!Me misera, me tapina, me derelitta!!
    Io, lontana dall'Italia, come faccio???
    Dio Lorenzo deve fare un miracolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, tesoro! Manco Dio Lorenzo può. Qua non resta che sperare che il libro venga ripubblicato!

      Elimina