Enter your keyword

venerdì 6 dicembre 2013

Recensione "Per dieci minuti" di Chiara Gamberla - Feltrinelli

per dieci minuti
Titolo: Per dieci minuti
Autore: Chiara Gamberale
Editore: Feltrinelli
Data di pubblicazione:20 novembre 2013
Pagine: 187
Prezzo: 16.00 €
Versione e-book: 9.99 €
Trama: Dieci minuti al giorno. Tutti i giorni. Per un mese. Dieci minuti per fare una cosa nuova, mai fatta prima. Dieci minuti fuori dai soliti schemi. Per smettere di avere paura. E tornare a vivere. Tutto quello con cui Chiara era abituata a identificare la sua vita non esiste più. Perché, a volte, capita. Capita che il tuo compagno di sempre ti abbandoni. Che tu debba lasciare la casa in cui sei cresciuto. Che il tuo lavoro venga affidato a un altro. Che cosa si fa, allora? Rudolf Steiner non ha dubbi: si gioca. Chiara non ha niente da perdere, e ci prova. Per un mese intero, ogni giorno, per almeno dieci minuti, decide di fare una cosa nuova, mai fatta prima. Lei che è incapace anche solo di avvicinarsi ai fornelli, cucina dei pancake, cammina di spalle per la città, balla l'hip-hop, ascolta i problemi di sua madre, consegna il cellulare ad uno sconosciuto. Di dieci minuti in dieci minuti, arriva così ad accogliere realtà che non avrebbe mai immaginato e che la porteranno a scelte sorprendenti. Da cui ricominciare.

Voti
Trama  5
Personaggi  5
Stile  4
Incipit  4
Finale  5
Copertina  7
Voto complessivo 5

Ecco. Ora mi trovo qui a dover recensire un libro di un'autrice che ho amato molto e che, invece, da un po' di tempo a questa parte, mi delude.
Quindi, prima di scrivere la mia recensione, faccio alcune premesse.
La Gamberale l'ho scoperta con Le luci nelle case degli altri e me ne sono innamorata. Il nostro idillio è proseguito col piccolo L'amore quando c'era. Poi è arrivato  Quattro etti d'amore, grazie che l'ha consacrata, nel mio piccolo mondo, al ruolo di scrittore che non si fa attendere. Cosa vuol dire? Che i suoi libri non vanno mai appoggiati su una mensola e lasciati in attesa, ma vengono letti a pochi giorni dalla pubblicazione.
Come (quasi) sempre accade quando si scopre uno scrittore che piace, si cominciano a cercare i suoi precedenti lavori. Così, quando ho trovato Una passione sinistra, l'ho acquistato senza remore e l'ho subito letto.
Quel che ho pensato di quel libro, se ne avete letto la recensione, lo sapete già: assolutamente incomprensibile!
Adesso sono qui, col mio tè al mirtillo, la tastiera del pc che ticchetta sotto le mie dita e non riesco quasi a respirare al pensiero di scrivere questa recensione.
Parto dal presupposto che il libro non è brutto. Ma non si può neanche dire che sia bello!
Parto dal presupposto che ho da trascorso due serate in compagnia di Luca Bianchini, dei suoi personaggi, del suo humor, della sua leggerezza, della sua cordialità. E questo, forse, ha inciso negativamente sull'opinione che mi sono fatta del libro della Gamberale, che certo non dà l'impressione di essere una che sprizza gioia da tutti i pori! Insomma, se mi dovesse chiedere "con chi vuoi andare a cena per le prossime 5 settimane", non avrei remore e rispondere "Mille volte Bianchini!!!".
Parto dal presupposto che quando un autore mi delude un po', poi sono sempre leggermente prevenuta nel leggere un suo altro lavoro.
Detto tutto questo, è facile capire che io e la Gamberale ci stiamo pian piano allontanando.
Il libro è carino. Racconta la storia di Chiara...ma è autobiografico? Perché la cosa non è molto comprensibile. Chi legge e conosce l'autrice, penserebbe di sì...ma non viene mai detto in maniera palese.
Chiara, nell'arco di pochissimo tempo, vede sparire tutte le sue certezze, tutti i punti fermi della sua vita: il marito la convince a trasferirsi a Roma (dopo una vita passata a Vicarello), poi parte per Dublino e la molla per telefono; la rubrica che curava su una rivista viene affidata ad un'altra persona. E, insomma, la sua vita sembra proprio andare in frantumi. La sua analista le consiglia di fare un gioco: dieci minuti al giorno, ogni giorno, per un intero mese, in cui fare qualcosa di mai fatto prima.
Quindi lei, che non ha mai acceso un fornello, fa i pancake, mette uno smalto fucsia, va in palestra, pianta la lattuga...
A fare da contorno, la vita normale: gli amici, la famiglia e, soprattutto, il marito che, cercando di tornare, le dice che non è fatto per l'intimità, che possono stare assieme, ma vivendo vite separate.
In questo mese di gioco Chiara capisce che non è ciò che vuole, che lei un rapporto lo vuole completo, totalitario, non dieci minuti alla volta.
La mia domanda, però, è un'altra: cosa c'entra il gioco dei dieci minuti con la consapevolezza che acquisisce una trentaseienne nel capire che non esistono rapporti a metà?
Io credo che ognuno di noi abbia sofferto per amore, che nei primi mesi trascorsi dalla fine di un rapporto importante, sia stato a pezzi, non abbia fatto altro che pensare a quella persona, al modo per riportarla nella propria vita, agli errori fatti, ai rimedi possibili.
Poi, tutto si "decomprime". Pian piano si smette di soffrire, ci si apre al mondo, si ricomincia a vivere...si elabora il lutto!
Ed è questo, credo, quello che è accaduto a Chiara: ha elaborato il lutto per la fine del suo matrimonio ed è andata avanti. E, sinceramente, credo che il gioco dei dieci minuti sia stato solo la scusa per tirare fuori un altro libro.
Qualcuno dica alla Gamberale che ciò che conta, per noi lettori, è la qualità, non la quantità. Se pubblichi tre libri l'anno, ma uno è bello e gli altri due mediocri, io non ti compro più!
La mia valutazione: Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting 

Nessun commento:

Posta un commento