Recensione 'Torta al caramello in paradiso' di Fannie Flagg - Bur Rizzoli

by - 7/14/2016 08:00:00 AM

La vita è davvero strana per l’ultraottantenne Elner Shimfissle: un momento prima è su una scala a raccogliere fichi e un momento dopo si ritrova a terra priva di sensi. Nonostante il soccorso immediato dei vicini, Elner muore in ospedale. Per i parenti, gli amici e l’intera comunità della cittadina di Elmwood Springs la notizia è terribilmente triste: con i suoi saggi consigli e la sua purezza di cuore quella generosa e intrepida vecchietta era stata un punto di riferimento prezioso per tutti. Ma forse la vita di Elner non è ancora giunta al termine: stesa sulla barella in camera mortuaria, apre gli occhi, si alza ed esce dalla porta, percorre il corridoio fino a un ascensore, vi sale e, dopo un viaggio incredibile, si ritrova in Paradiso, a vivere un’avventura strabiliante. E forse potrebbe riuscire anche a tornare indietro, nel mondo dei vivi, per rivelare ai suoi cari qual è il segreto della felicità. Fannie Flagg ci regala una storia tenera e divertente, alla scoperta dei valori autentici dell’esistenza.



Titolo: Torta al caramello in Paradiso
Autore: Fannie Flagg
Titolo originale: Can' wait to get to heaven
Traduzione a cura di: Olivia Crosio
Editore: Bur
Data di pubblicazione: 2007
Pagine: 367

Trama: 4  Personaggi: 4  Stile: 4  Copertina: 5 




Vi ricordate zia Elner? E la piccola città di Elmwood Springs? Nonna Fannie ci aveva già presentato luoghi e personaggi che animano questo romanzo in Pane cose e cappuccino dal fornaio di Elwood Springs.

Questa volta, il fulcro centrale della storia sono proprio zia Elner e la nipote Norma. 
Elner ha abbondantemente superato i novant'anni, ma, a parte qualche problema d'udito, è un'arzilla vecchietta che si ostina a voler vivere da sola, mentre Norma continua ad essere una donna che non riesce a far a meno di organizzare la vita di chiunque la circondi!
Circondata da una schiera di vicine con cui guarda il tramonto tutte le sere e in compagnia dell'ennesimo gatto rosso di nome Sonny, Elner vive la sua vita col sorriso sulle labbra, gioendo delle piccole quotidianità e strappando, più di una volta durante la narrazione, un sorriso anche a noi lettori!
Finché, in una soleggiata mattina, sale su una scala per raccogliere dei fichi da un albero del suo giardino e viene punta da delle vespe.
Zia Elner perde i sensi e viene trasportata in ospedale e dichiarata morta. 
Norma e il marito Macky accorrono al suo capezzale, mentre le amiche, informate della triste notizia, iniziano ad organizzare il suo funerale.
Pensate lo stupore generale quando, qualche ora dopo, Elner apre gli occhi e, allegramente, saluta tutti!

Fannie Flagg è, per me lettrice, un posto sicuro. Quando mi capita uno di quei periodi in cui sembra quasi che trovare un bel libro sia un'utopia, quando ho poca voglia di leggere, prendo tra le mani uno dei suoi romanzi e ho la certezza di trovare un luogo accogliente ad aspettarmi!
Anche questa volta, Fannie ha fatto centro: personaggi di cui innamorarsi sin dalle prime righe, luoghi in cui sentirsi a casa e una storia semplice a fare da base ad un libro che si legge tutto d'un fiato!

Elner è una di quelle donne che tutti avremmo voluto avere come nonna ed Elmwood Springs è un luogo in cui ognuno di noi vorrebbe vivere!
Nonostante sia ambientato in tempi più moderni rispetto ai precedenti romanzi della stessa autrice, anche in Torta al caramello in Paradiso si respira quell'aria un po' retrò che contraddistingue tutti i romanzi della Flagg.

Unica pecca che ho riscontrato in questo romanzo è l'eccessivo dipanarsi della storia di Elner dopo il suo risveglio. Ci sono parti, superata la metà del libro di cui, secondo me, si poteva tranquillamente fare a meno. Tutto ciò depaupera leggermente il romanzo in sé.
Nonostante ciò, come già detto, Fannie è sinonimo di garanzia! E io, con panico crescente, mi rendo conto che nella mia libreria rimangono solo due suoi romanzi da leggere.


You May Also Like

25 pensieri dei lettori

  1. Insomma... lei è sempre una garanzia!!! :)
    Fede

    RispondiElimina
  2. Non conosco questa autrice ma solo a leggere trama e le tue parole mi si è intenerito il cuore,cover bellissima. Ci faccio un pensierino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s ho appena scoperto che é l'autrice di Pomodori verdi fritti....
      Non ho mai letto il libro ma ho visto più volte il film
      Ora ho ben chiaro di che talento stiamo parlando :)

      Elimina
    2. Sì, è proprio lei! Anche il l'ho scoperta tardivamente, ma sto gustando ogni suo libro con un piacere immenso!

      Elimina
  3. Autrice che ho letto tanto tempo fa, ma imbattendomi in uno dei romanzi minori - Hamburger qualcosa... In questi giorni, avrei bisogno di letture così. Mi metto all'opera, ma magari mi recupero quei Pomodori verdi fritti, nonostante abbia visto e rivisto il film in tivù :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Hamburger e miracoli" l'ho letto anche io e devo ammettere che è forse quello che mi ha meno entusiasmata. "Pomodori verdi fritti" è una garanzia... Towanda!!

      Elimina
    2. Hamburger e Miracoli l'ho solo iniziato. Se devo scegliere preferisco come protagonisti gli anziani piuttosto che gli adolescenti.
      Oramai ho una certa.
      ;-)
      Lea

      Elimina
  4. La Flagg è un porto sicuro e un posto sicuro. Anche a me dispiace di aver letto quasi tutti i suoi libri. Ma non si parlava di una nuova uscita? Non riesco a trovare notizie. Help me!!!!
    Un caro saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Lea. È stato pubblicato un nuovo romanzo. Non ci resta che aspettare che venga tradotto -.-'

      Elimina
    2. La pazienza non è la mia miglior virtù. Intanto ad agosto leggo In piedi sull'arcobaleno.
      :)
      Lea

      Elimina
  5. Per il momento ho letto Voli acrobatici e pattini a rotelle e Pane cose e cappuccino. Il terzo potrebbe essere questo. Grazie per avermi fatto conoscere la Flagg.
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh questo lo adorerai, ne sono sicura!
      Bacio grande :*

      Elimina
  6. Quanto ci piace la Flagg? Ho letto questo libro tanti anni fa, il primo in verità che mi ha permesso di conoscere questa autrice e quindi di farti fare il buco alla Mondadori di Piazza del Duomo ah ah ah. Sicuramente non è il suo migliore, ma le sue storie regalano bei pomeriggi

    RispondiElimina
  7. Sigh sigh! Voglio Fannie Flagg (ovviamente in edizione BUR)!

    RispondiElimina
  8. Uh la Flagg! Troppo tempo che non la leggo, devo recuperare!
    Poi i suoi titoli mi fanno sempre venire fame, vado a recuperare qualcosa da mangiare :D

    RispondiElimina
  9. non conosco l'autrice però sembra interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggine uno qualunque e ti accorgerai di volerli tutti!

      Elimina
  10. E' stato il primo della Flagg che ho letto qualche anno fa. Piaciuto. Buon giornata!

    RispondiElimina
  11. Sono sempre più convinta dover iniziare a leggere questa autrice!
    E poi le copertine... Ma quanto sono belle??!! *o* *o*

    RispondiElimina