Questione di incipit #14-2014

by - 4/28/2014 09:35:00 PM

L’Incipit è l’arte di iniziare un libro talmente bene da costringere il lettore a proseguire la lettura!
Solitamente, l’Incipit è costituito dalla righe iniziali di un libro, diciamo pure la prima frase. Io, invece, ho deciso di andare un po’ oltre e riportarvi qui la prima(o le prime due)  pagina di un libro (solitamente quello che sto leggendo).

Ultimo libro per il mese a tema

Quattro sberle benedette

di

Andrea Vitali

quattro sberle benedette

PROLOGO

OGGI CHIUSO.

<<O bestia!>> mormorò l'uomo.
Era almeno un mese che non aveva una bella balla da raccontare in casa per uscire tranquillo, senza destare sospetti, e andarsene a Lecco, e adesso trovava chiuso!
Picchiò un pungo sul portone, ma niente!
Nessuna risposta, nessun rumore.
C'era neanche una luce alle finestre.
Guardò sotto la porta, macché.
Ma erano tutti morti?
Anzi, morte?
<<Ma porca put...>>
Cioè, con tutto il rispetto.
Però, aveva anche messo da parte i soldi, nascosti per bene in un paio di stivali bucati che erano in cantina, i soldi giusti giusti per farsi una bella tripla, e varda lì che bel risultato.
Ma magari...
Cioè, il cartello non poteva lasciare dubbi di sorta.
Ma, magari...
Ecco, magari quello lì del caffè che stava all'angolo, il caffè Del 15, ne sapeva qualcosa, magari...
Certo che stare lì davanti alla porta chiusa a continuare a chiedersi magari...
L'uomo si avviò lento.
Non gli piaceva l'idea di entrare in quel caffè, alla luce, fasi vedere in faccia...
Non l'aveva mai fatto, per paura di incontrare qualche bellanese e fare il patatrac, con la fama i uomo integerrimo di cui godeva al paese.
D'altronde gli giravano le balle id essere andato lì, dopo un mese e con in tasca i risparmi giusti giusti per una tripla, e di dover tornare a casa con le pive nel sacco.
Entrò nella luce fredda e fastidiosa del caffè. Inspirando un odore stantio di sigari toscani si avvicinò al banco. Chiese un Cinzanino e attaccò discorso col proprietario del caffè domandando se per caso aveva visto uno fatto così e cosà che gli aveva dato appuntamento proprio lì e invece...
Quello lo interruppe con un gesto della mano.
<<Se è venuto qui a chiedermi come mai il casino è chiuso, glielo spiego. Dopo però si beve il suo Cinzanino e io chiudo perché non ne posso più di ripetere la stessa storia. Ostia, sarà il ventesimo che viene qui a rompermi le balle!>>
<<Scusate, ma io...>> tentò di ribattere l'uomo.

You May Also Like

0 pensieri dei lettori