Una pagina da ... #21

by - 10/02/2013 03:48:00 PM

Una pagina da… è la rubrica del mercoledì in cui vi riporto la pagina che sto leggendo.

Come sapete, il libro che mi fa compagnia in questi giorni è

Il giardino dei segreti

di

Kate Morton

... Cassandra rispondeva alle rare domande della nonna con tutta la cortesia di cui era capace. Infine, anche la tortura della cena terminò e, dopo aver lavato i piatti – che Cassandra non mancò di aiutare ad asciugare – Nell la accompagnò in bagno e iniziò a riempire la vasca di acqua tiepida.
<<C'è solo una cosa peggiore di un bagno freddo in inverno>>, le disse. <<Ed è un bagno caldo in estate.>> Quindi prese un asciugamano marrone da un mobile e lo posò sulla vaschetta del gabinetto. <<Quando l'acqua raggiunge questa linea puoi chiudere i rubinetti.>> Nell le indicò una crepa nella porcellana verde della vasca, poi si alzò in piedi aggiustandosi il vestito. <<Tutto a posto?>>
Cassandra annuì e sorrise, sperando di aver dato la risposta giusta. Gli adulti alle volte facevano domande a trabocchetto. Più che altro, agli adulti non piaceva che i bambini lasciassero trapelare i loro sentimenti. Almeno, non quelli negativi. Len le ricordava spesso che i bravi bambini dovevano sempre sorridere e imparare a tenere per sé i brutti pensieri. Nell però era diversa. Cassandra non sapeva in che modo, ma intuiva che le regole della nonna erano differenti. In ogni caso, era meglio essere prudenti.
Questa era la ragione per cui non aveva accennato allo spazzolino da denti o, meglio, alla sua mancanza. Era una di quelle cose che Lesley dimenticava sempre quando trascorrevano qualche giorno fuori casa. Ma Cassandra sapeva che in fondo per un paio di settimane poteva sopravvivere anche senza. Raccolse i capelli sulla testa con un elastico. A casa avrebbe utilizzato la cuffia da bagno della mamma ma non era certa che Nell ne avesse una e non voleva chiedere. Entrò nella vasca, si sedette nell'acqua tiepida e rannicchiò le gambe contro il petto socchiudendo gli occhi. Nel silenzio, ascoltò l'acqua che accarezzava le pareti della vasca, il ronzio della lampadina, una zanzara che volava da qualche parte sopra di lei.
Rimase così per un certo tempo poi, quando si rese conto che...


 

You May Also Like

0 pensieri dei lettori