Elogiando il Kobo Aura...

by - 10/20/2013 04:19:00 PM

E stamane, bruttissima sorpresa! Mentre leggevo, il mio Kobo Aura, nuovo nuovo, fresco fresco, ha deciso di abbandonarmi: si è spenta la luce, si è bloccato sulla schermata di lettura e non c' è più stato modo di farlo riprendere.

Faccio una premessa: quando l' ho acquistato, ho notato che, pur tenendolo in carica, la batteria non arrivava mai al 100%. Così mi sono premurata di chiamare l' assistenza clienti, dove una gentilissima ragazza mi ha detto che, per almeno tre o quattro volte, c' era bisogno di un ciclo di carica lungo. Ok, pazienterò.

Ieri sera, prima di spegnerlo, ho notato che la batteria era al 10%, ma ho pensato di lasciarlo scaricare completamente. Stamane, appena sveglia, visto che era abbastanza presto e la famigliola dormiva beata, ho preso in mano il Kobo, l'ho acceso e mi ha subito dato il segnale di batteria esaurita; l' ho attaccato al caricabatteria e ho iniziato a leggere. Ma, dopo un' ora, come vi ho detto, si è bloccato.
Inizialmente, ho pensato che il cavetto difettasse e non avesse caricato bene, ma non era così.

Ho provato a resettarlo, ho provato a ripristinarlo, ma nulla. Immaginate il mio panico?!

Ho subito chiamato il numero verde, dove un' altra gentilissima ragazza, mi ha confermato che, effettivamente, la prima carica deve essere lunga, deve durare almeno 4 o 5 ore, ma dopo non dovrebbero esserci problemi; e mi ha consigliato di tornare in negozio visto che, avendolo acquistato da meno di 10 giorni, avevo diritto alla sostituzione.

Così, caricati marito e figlio in macchina, sotto una noiosissima pioggia, siamo tornati a Varese, dove mi hanno immediatamente sostituito il Kobo... per fortuna!

E potete anche capire che La Libridinosa dentro un negozio Mondadori non può mica uscire a mani vuote, no?! Così, ho preso altri due libri... che, aggiunti ai tre acquistati martedì scorso, fanno 5 libri in una settimana. E non dimentichiamo che, giovedì pomeriggio, andrò a ritirare la mia copia del nuovo libro di Glenn Cooper, "Il calice della vita".

Comunque, questa mattina ho acquistato "Piccole cose che avrei voluto dirti" di St. John Greene e "Volevo solo una vita tranquilla" di Anna Talò.

Prima di tornare a casa, ci siamo anche fermati alla Feltrinelli, dove ho preso un segnalibro. Non so perché, ma a me la Feltrinelli mette tristezza. E non dipende dal negozio di Varese, perché mi accade anche in quello di Milano. Mah!

Bene, cari lettori e lettrici, adesso finisco di guardare la mia Juve e poi mi riprendo in mano il Kobo (nuovissimo!) e termino la lettura de "L' amore in un giorno di pioggia" di Sarah Butler!

Buona domenica dalla vostra Libridinosa!

You May Also Like

0 pensieri dei lettori