image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Diario di Bordo - Tempo di Libri... parliamone seriamente (o almeno proviamoci!)


Dopo aver sproloquiato raccontandovi della settimana trascorsa con Anima Ciambella, è arrivato il momento di fare la blogger seria (Bacci lo so che stai ridendo!) e di fare un bilancio su questa prima edizione di "Tempo di Libri".
Non penso di dovervi spiegare cosa sia "Tempo di Libri", anche se, tecnicamente parlando, è stata definita la fiera dell'editoria, a differenza del "Salone Internazionale del Libro di Torino" che, come definizione spiega, è un vero è proprio salone del libro.
Qual è la differenza tra le due cose? Sinceramente, da lettrice e da blogger, non saprei spiegarvela (ma magari è un limite mio che non vivo i lati tecnici delle due manifestazioni).

Personalmente ho preso parte al Salone del Libro di Torino per tre anni consecutivi. Il primo anno l'ho vissuto più da lettrice che da blogger, perché La Libridinosa aveva preso vita da un paio di mesi appena. Gli ultimi due anni, invece, li ho vissuti munita di badge ed accredito. A fronte di questo, penso di poter fare un raffronto tra i due eventi e dire anche la mia!
Innanzitutto, ci tengo a sottolineare il fatto che mi ha davvero infastidita questa pseudo-guerra che è stata messa in atto sia dai due comitati direttivi, che hanno trascorso gli ultimi giorni facendo raffronti numerici assolutamente inutili, che dagli stessi partecipanti (e non) che hanno quasi creato delle fazioni calcistiche a colpi di "W Milano" o "W Torino".

Io qui esprimo, ovviamente, il mio punto di vista e parto dal fatto che Torino abbia alle spalle una storia trentennale e, nonostante ciò, il Salone del Libro abbia sempre avuto delle falle alle quali pare non si riesca mai a porre riparo. Milano, benché sia alla sua prima esperienza, pare essere riuscita a cavarsela abbastanza bene!
Tanto Torino quanto Milano paiono avere questa grande passione per gli incontri con gli autori concentrati nel fine settimana. E questo può apparire un fatto ovvio, se non fosse che, per farlo, si creino una serie di accavallamenti che portano ad avere, alla stessa ora, 4 o 5 incontri interessanti e, visto che nessuno di noi è dotato del dono dell'ubiquità (tranne Laura), si deve sempre rinunciare a qualcosa. Ma avere tanti scrittori nello stesso posto crea anche qualche problema logistico!

A Milano, i blogger sono entrati gratis. A Torino, sino all'anno scorso, entravamo a metà prezzo (ma si vocifera che, quest'anno, si entrerà gratis anche lì... e taccio su questa scelta fatta dopo che tutti abbiamo sbandierato ai quattro venti che a Milano non abbiamo pagato!).
A Milano non erano presenti i piccoli editori (e la Neri Pozza), quindi lo spazio tra uno stand e l'altro, ha consentito di gironzolare più comodamente anche a chi, come me, era carico di borse. Indubbiamente, questa cosa è stata agevolata anche dalla minore affluenza di gente rispetto a quella che invade Torino. Mi sono chiesta il perché e la risposta che mi sono data è che si era reduci dalle vacanze pasquali e a ridosso di un ponte festivo abbastanza lungo (tanto che anche una mia amica e collega è riuscita ad essere presenta solo il venerdì). Che la scelta dalla data possa essere definita infausta è quello che, sicuramente, avranno pensato in tanti. Come la vedo io? Innanzitutto, posso dire che il minor afflusso di gente ha consentito a tutti di visitare gli stand senza dover fronteggiare una ressa di gente che spintonava ad ogni passo (cosa che accade puntualmente a Torino). Nei padiglioni non si soffocava per il caldo e non c'erano file infinite alle casse, benché io abbia visto parecchia gente acquistare (anche se molti dicono che le vendite siano state scarse). Unica eccezione, lo stand del Libraccio, preso costantemente d'assalto!

Vogliamo parlare di vendite? A quanto pare, si è venduto poco. Io rimango perplessa davanti a questo dato, perché ho visto tanta gente carica di sacchetti pieni di libri. Io da sola ne ho acquistati una decina e le mie compagne d'avventura non sono state da meno. In Italia, lo sappiamo benissimo, i libri si vendono poco, ma questi eventi sono frequentati da lettori accaniti e, inutile prenderci in giro, i lettori accaniti sono accumulatori compulsivi di libri e acquistano!
Credo che ci sia una grande pecca che riguardi tanto Torino quanto Milano: in queste occasioni gli editori non fanno sconti. Ma insomma, vi trovate davanti migliaia di lettori che non aspettano altro che dare fondo ai loro risparmi e voi non li agevolate? Se posso capire i piccoli editori che fanno fatica a tirare avanti, non mi spiego la scelta da parte di gruppi quali Mondazzoli, Gems e Feltrinelli. L'unica Casa Editrice che faceva lo sconto del 20% era la Harper Collins (e infatti mi sono subito fiondata sui libri di Anne O'Brien). Ecco, questa è una cosa su cui gli editori dovrebbero riflettere: le fiere servono anche ad incentivare agli acquisti. Ci troviamo lì, vediamo centinaia di libri che spesso non conosciamo e vorremmo comprarli tutti, ma non possiamo!

Altro pregio di Milano è che, indubbiamente, si raggiunge molto più facilmente rispetto a Torino. Mi direte: la fiera non si svolgeva a Milano, ma a Rho. Vero! Ma esiste la metropolitana. Io vivo in provincia di Cremona e, per quanto non sia proprio dietro l'angolo, arrivo a Rho in circa 80 minuti di macchina. Non sono pochi, lo so, ma mi hanno permesso di prendere parte a questo evento per più giorni di seguito, cosa che, invece, non posso fare a Torino, perché di chilometri da affrontare in un solo giorno ne ho molti di più. Ho visto amiche arrivare a Rho da Roma, dalla Puglia, dalla Toscana, dal Veneto e dal Trentino. Con un po' di organizzazione, qualche amico in zona disposto ad ospitare o un buon b&b, arrivare a Milano è molto più semplice che raggiungere Torino, sia che si decida di viaggiare in treno che in aereo! Inoltre, proprio in zona fiera, c'è un lungo viale dove è stato possibile parcheggiare gratuitamente (tutti soldi risparmiati per acquistare libri!!!).

All'interno dei padiglioni, inoltre, c'erano vari spazi per potersi sedere e riposare o mangiare in tranquillità anche per chi portava il cibo da casa e i bagni erano tanti e tutti pulitissimi. Quindi, anche lì, niente code e niente perdite di tempo! Inoltre, sono riuscita a rimanere sempre connessa grazia al wi-fi gratuito e funzionante!

Rileggendo questo post, pare che io sia qui a voler tirare l'acqua al mulino lombardo. Insomma, nessun difetto? Certo, ci sono stati anche quelli! Il più grande è stato sicuramente quello di vedere scrittori, moderatori, giornalisti, agenti letterari e quant'altro fare la fila con noi comuni mortali e dover aspettare l'orario di apertura per entrare. Vi dico solo che a Torino noi blogger, che siamo il gradino più basso della categoria letteraria, entravamo con almeno una ventina di minuti di anticipo rispetto agli altri. 
Non è possibile che uno scrittore che ha un incontro all'apertura debba star lì e fare la fila. 
Altra pecca, secondo me, è stata la scelta della data: un mese prima del Salone del Libro di Torino? Ma davvero? Sapete cosa avete ottenuto? Che salvo rare eccezioni di gente con grande disponibilità economica, chi partecipa ad un evento sarà assente all'altro. Avete 12 mesi a disposizione, organizzatevi e distanziate meglio i due eventi.

Altro difetto: il sito di tempo di libri è caotico e poco fruibile. Il programma è stato comunicato a pochi giorni dall'avvio della fiera e chi doveva organizzarsi con ferie e prenotazioni non è stato per nulla agevolato. Male, malissimo. Ci sono stati cambi di programma improvvisi che venivano comunicati sul sito internet, quando invece è risaputo che tutti viviamo collegati ai social network: Facebook e twitter sono il metodo ideale per aggiornare in tempo reale chi è lì.
La mappa che veniva consegnata all'ingresso era grande, scomoda da usare e fatta malissimo: non si riuscivano a trovare gli stand e io mi ritengo fortunata ad averne stampata una a casa e aver contrassegnato per tempo gli stand che mi interessavano e le sale in cui si svolgevano gli incontri a cui volevo partecipare!

E poi la pecca più grande, quella che ha fatto arricciare i capelli a tutti noi: i relatori degli incontri. Abbiamo assistito a presentazioni degne dei peggiori film horror. Giornalisti che hanno presentato libri di cui, probabilmente, conoscevano solo la copertina e la sinossi. Ho visto Sara Rattaro dover stilare il cast di un ipotetico film con la signora Briganti che pareva essere l'agente di Margherita Buy, visto che cercava di piazzarla in tutti i ruoli femminili. Sempre la stessa Annarita Briganti ha parlato di un prete e di una storia d'amore (forse pensava ad "Uccelli di rovo") riferendosi al Don Vittorio dell'ultimo romanzo di Lorenzo Marone.
Milano e provincia sono piene di bravissimi e competenti librai, assolutamente in grado di presentare autori di cui hanno letto davvero tutto. Non ci servono giornalisti che stanno lì solo per vantarsi di essere presenti!

Ecco, arrivati alla fine di questo post, io posso dire che, nonostante tutto, la mia esperienza a Tempo di Libri è stata positiva, che i difetti possono essere corretti e che spero che le critiche che sono state mosse vengano accolte dal comitato organizzativo con la giusta ottica: fatene tesoro e cercate di far meglio!


Share this:

CONVERSATION

27 pensieri dei lettori:

  1. Sono d'accordo con tutto, io avrei volentieri partecipato a tutti e due, ma il lato economico me ne consente uno solo. Se ci fossero più mesi di distanza tra Milano e Torino, magari sarei riuscita a partecipare a tutti e due. Cioè, dai Don Vittorio un prete???? Me la sono persa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pagina Facebook della Feltrinelli, cerca il video della diretta di Tempo di Libri, al minuto 8 vedrai Lorenzo che inizia ad arrampicarsi sugli specchi per non ucciderla!

      Elimina
  2. Letto tutto! Mi spiace tremendamente non aver potuto partecipare e soprattutto aver perso l'occasione di conoscere te e Laura.
    Spero di rimediare prima o poi.
    Ciao Laura!

    RispondiElimina
  3. Don Vittorio, un prete?!? #noncelapossiamofare!

    RispondiElimina
  4. ben detto! mi trovi d'accordo su molti punti, (soprattutto quello degli sconti!). Io a Torino non sono mai andata, della fiera di Milano ho apprezzato molto i tanti eventi, ma gli stand di per se' insomma, zero sconti e gadget. Pero' ti ho incontrata dalla Teruzzi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mi hai fatta commuovere! Anzi, diciamolo pure che io e quell'altra siamo andate in giro, tutto il giorno, dicendo a tutti "c'è una ragazza che ci legge!!!"

      Elimina
  5. pienamente d'accordo con tutto ciò che hai scritto. non avrei saputo dirlo meglio. Spero che il tuo post venga letto da molti in modo da poter avere un Tempo di Libri rivisto e corretto :)
    grazie Laura.

    Chicca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è riavere un Tempo di Libri (in weekend in cui certa gente non va al lago, possibilmente!)

      Elimina
  6. Anche a me ha infastidito molto questo sguardo sempre puntato verso i numeri. La cosa più importante, a mio parere, è che ci siano eventi come questi perché di libri se ne parla sempre troppo poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai è diventata una guerra di numeri. Per fortuna, noi lettori siamo superiori e guardiamo alla sostanza. E, per quanto mi riguarda, la sostanza è stata tanta e tanto bella!

      Elimina
  7. Allora non è stata solo una mia impressione, il sito internet di Tempo di libri l'ho trovato anch'io poco fruibile e parecchio caotico. Se devo essere sincera non mi è piaciuto per niente. Non posso dire altro visto che sono stata malissimo e non ci sono potuta andare. Di sicuro mi sarei aggregata a voi per capirci qualcosa, altrimenti avrei passato il mio tempo a girare persa per gli stand😂😂😂. E la Briganti? Una mia amica ha detto che sarebbe meglio stendere un velo pietoso sulle sue presentazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla Briganti sarebbe meglio stendere un tir, altro che velo! Io continuo a chiedermi come gente così venga pagata per fare 'ste figure. Giusto ieri sera spulciavo il programma del Salone del Libro di Torino e ho visto che l'hanno coinvolta in 3 o 4 conferenze. E poi c'è gente bravissima che non viene mai presa. Vabbè, lasciamo perdere e stendiamo il tir!!!
      Per quanto riguarda il sito, credo che sia una pecca di questi eventi; anche quello di Torino non brilla per fruibilità. Io posso affermare che tre anni di esperienza mi hanno portata a capire come organizzarmi: stampo la mia cartina e segno tutto ciò che mi interessa, che tanto a fare diversamente ci resti sempre fregata!

      Elimina
  8. Don Vittorio un prete ;) avrei voluto vedere una foto della tua faccia in quel momento!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Tessa, la grande fortuna delle Briganti è stata che io non ci fossi. Anche perché, come puoi ben immaginare, sarei stata in prima fila, quindi avrei anche avuto modo di sputarle direttamente in faccia. La cosa buffa è che nei giorni scorsi le ho scritto e mi ha risposto che sono io a non aver capito il libro e che don Vittorio è un prete fatto e finito. Capisci? Migliaia di lettori ignoranti; io l'ho letto 6 o 7 volte quel libro e non ho capito un tubo!

      Elimina
  9. Concordo su ogni parola. Visto che sto buttando giù il post anch'io e la pensiamo allo stesso modo, posso fare copia e incolla? Magari riassumo...
    ;p

    RispondiElimina
  10. Io invece di gadget ne ho trovati parecchi, non solo penne e matite ma anche libri!!

    RispondiElimina
  11. Bellissimo articolo! Io pur abitando non eccessivamente lontano (Trentino) non ho potuto partecipare perché lavoro in un hotel quindi il periodo era il più nero possibile, sopratutto per quanto riguarda il weekend.
    Visto anche quello che hai scritto spero che l'evento sia ripetuto l'anno prossimo, magari farà un lavoro più normale e riuscirò a prendermi i giorni. Mi hanno detto che anche Fazi non c'era, giusto?
    Comunque la cosa degli sconti è sempre fastidiosa, io l'ho notato tutte le volte che sono andata al Lucca comics, paghi per entrare (e nemmeno poco) e poi gli unici che ti fanno gli sconti sono magari dei poveri cristi mentre case più grandi ti dicono che non possono perché loro sono solo gli addetti alla vendita in fiera. Il che è vero non lo metto in dubbio però è assurdo, una volta mi hanno fatto lo sconto di 3/4 euro in uno stand grosso solo perché al momento non avevano il resto in monetine... questo è il livello! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, se riuscissero ad entrare nel meccanismo dello sconto, probabilmente non dovrebbero poi lamentarsi del fatto che la gente non acquisti. Io lo ammetto: quest'anno ho comprato tanto, probabilmente perché ero in vena, non c'era la confusione eccessiva che ho sempre trovato a Torino, quindi ho avuto modo di girare, spulciare, scegliere. Avevo anche la compagnia giusta, quindi mi sono lasciata andare. Certo, in altri momenti non l'avrei fatto, magari avrei preso nota dei titoli e poi acquistato on-line, dove lo sconto c'è sempre!

      Elimina
  12. Concordo su tutto anche se ogni fastidio per me è passato in secondo piano rispetto alla gioia di esserci!
    Lea

    RispondiElimina
  13. Ciao!
    Non ho letto un tuo articolo sul Salone del Libro 2017, perciò immagino che tu non sai andata quest’anno ☹ .
    Io purtroppo non sono riuscita a visitare “Tempo di Libri”, ad aprile, quindi non posso (e non voglio) fare un confronto fra le due fiere, ma, se vuoi, ti do il link all’articolo sul mio blog che parla dell'evento piemontese: https://laranasullestelle.wordpress.com/2017/05/23/30-salone-del-libro-di-torino-oltre-il-confine-in-tutti-i-sensi/
    Mi ricollego inoltre ad alcune tue osservazioni scritte nel tuo articolo riguardo a “Tempo di libri”.
    1)I blogger quest’anno non hanno pagato nemmeno a Torino (la concorrenza ci ha giovato)
    2)E’ vero, al Salone c’è sempre una gran confusione negli stand, per gli incontri, per entrare, mangiare e andare al gabinetto. Alcuni aspetti possono essere sicuramente migliorati e meglio organizzati, ma che bello poter condividere la propria passione per la lettura con altri. Che bello sgomitare (!) per un libro o una stretta di mano con il proprio autore preferito.
    3)Per quanto riguarda i trasporti, la facilità con cui si arriva ovviamente dipende dal punto di partenza, anche se è indubbio che Milano sia meglio collegata. In ogni caso per giungere al Salone ci sono molte opzioni, oltre all’auto, ad esempio treno+metro comodissimi. E, anche se i torinesi sono considerati un po’ chiusi, ce ne saranno molti (La rana compresa) che sperano di vederti il prossimo anno e magari farti da Cicerone anche fuori dal Lingotto, perché il Salone del libro non è solo un’esposizione, ma una grande festa cittadina. Ecco perché ci teniamo così tanto.
    Fine del commento lunghissimo e complimenti per il blog e la nuova grafica!
    Ciao

    RispondiElimina