Enter your keyword

giovedì 30 giugno 2016

Recensione IN ANTEPRIMA "L'onore sopra ogni cosa" di Kathleen Grissom - Neri Pozza

James Burton, noto e stimato argentiere di Philadelphia, ha una benda nera che gli copre l’occhio sinistro. Nei salotti buoni della città le donne sussurrano che sia rimasto sfregiato durante un duello, e James non fa nulla per mettere a tacere queste romantiche voci. Negli anni ha imparato a nascondere molti segreti. Nato in una grande casa coloniale nel Sud della Virginia, dall’unione illegittima tra Belle, una schiava mulatta, e Marshall Pyke, il giovane padrone della piantagione, James un giorno è stato accecato dall’ira e dalla disperazione. Ha impugnato un’arma e ha fatto fuoco contro Marshall, suo padre, che aveva deciso di venderlo come schiavo, sebbene avesse la pelle bianca come lui e fosse cresciuto nella casa padronale come uno dei Pyke.
La fuga, senza rivolgere la parola a nessuno per il timore di essere scoperto, è durata a lungo. Fino al giorno in cui Jamie Pyke è diventato James Burton, gentiluomo di Filadelfia, invitato ai ricevimenti dell’aristocrazia della città, poiché ne conosce diligentemente le regole e poiché è un uomo attraente e di bell’aspetto, capace di conquistare il cuore di Caroline, la figlia del cinico Mr Cardon, un ricco esponente dell’industria del taglio e del trasporto del legno in Pennsylvania.
Vent’anni, celando con cura due segreti che potrebbero condurlo alla forca: un omicidio e l’avere «il sangue dei negri», come amano dire gli schiavisti. Vent’anni per lasciarsi alle spalle il passato e raggiungere una certa sicurezza. Ora però la paura, che non lo ha mai abbandonato, sta tornando a farsi sentire per James, come una pesante palla di piombo.
Henry, un uomo di colore con cui ha esattamente da vent’anni un debito d’onore, ha bussato alla sua porta e gli ha chiesto di aiutarlo a ritrovare suo figlio, finito in mano ai negrieri.
Difendere la propria sicurezza, a costo di venir meno alla parola data, oppure porre l’onore sopra ogni cosa? Questo è il dilemma che lacera Jamie Pyke, divenuto James Burton, noto e stimato argentiere di Philadelphia.
Con una scrittura avvincente e dal ritmo serrato, che tiene con il fiato sospeso, Kathleen Grissom, già autrice del bestseller Il mondo di Belle, ci conduce nell’implacabile America sudista del 1830, dove il desiderio di riscatto e la lotta per la libertà animano i cuori dei coraggiosi e indimenticabili personaggi di questo romanzo.

Titolo: L'onore sopra ogni cosa
Autore: Kathleen Grissom
Titolo originale: Glory over everything
Traduzione a cura di: Chiara Brovelli
Editore: Neri Pozza
Data di pubblicazione: luglio 2016
Pagine: 430

Trama: 4  Personaggi: 5  Stile: 5  Copertina: 5 





Siamo nel 1830, a Philadelphia, e a raccontarci questa storia è James Burton, argentiere e pittore, arrivato in città poco più che tredicenne e adottato dalla famiglia Burton.
Ma James è un personaggio che noi abbiamo già incontrato nella nostra storia di lettori. James è il figlio di Belle, protagonista, assieme a Lavinia, del precedente romanzo di Kathleen Grissom, Il mondo di Belle, di cui vi parlai esattamente un anno fa.
James è un bianco di colore, figlio di Belle, schiava, e del proprietario della tenuta di Tall Oak, Marshall.

Nel libro precedente, ricordiamo James cresciuto dalla nonna, che si spacciava per sua madre, viziato, agiato e con una certa propensione all'odio razziale.
Adesso lo ritroviamo adulto, fuggito da Tall Oak dopo aver uccido suo padre e aver rischiato di essere venduto come schiavo.

James è un personaggio che crea nel lettore grandi contrasti d'animo. È un bianco per quanto riguarda l'aspetto esteriore e il modo di pensare, ma è anche un mezzo nero che fatica ad accettare questa sua condizione. È un uomo che passerà parte della sua vita a rinnegare le sue origini, a trattare tutti dall'alto in basso, a cercare di nascondere le sue origini, mentendo spudoratamente, ingannando chiunque gli si avvicini.
È un uomo che, spesso, mostra il suo lato vigliacco, la sua paura della verità, la sua incapacità di accettarsi e farsi accettare dagli altri.
In quasi 400 pagine lo vedremo fuggire, mentire, nascondersi, mettere sempre il suo benessere davanti a tutto e tutti.

Nonostante ciò, così come nel romanzo precedente, Lavinia era arrivata ad un riscatto della sua persona, anche in questo, l'autrice ha concesso a James una forma di redenzione agli occhi del lettore.
La lettera che scriverà a sua madre, Belle, riconoscendola finalmente come tale, mi ha anche fatto versare qualche lacrima.

Anche in questo romanzo, ho ritrovato quello stile che tanto mi aveva fatta innamorare della precedente storia. Kathleen Grissom riesce a legare il lettore alla storia, dandole un ritmo serrato e continui spunti di riflessione. È quasi impossibile smettere di leggere, abbandonare la storia e i suoi personaggi anche se solo per poco tempo.
Si arriva alla fine di questo romanzo e si ha la sensazione di aver nuotato in acque fresche in una torrida giornata d'estate.
I personaggi, la storia, l'ambientazione, tutto lascia un senso di benessere nel lettore.

Kathleen Grissom è sicuramente una penna di grande talento, con una grande capacità di rendere il lettore parte integrante della storia.



20 commenti:

  1. Oh che bel voto! Mi ha fatto venire in mente un film che da piccola guardavo sempre e piangevo e piangevo: Lo specchio della vita.
    Certo, periodo storico molto diverso, ma la protagonista era una bianca di colore e...
    Insomma, devo recuperare anche il libro precedente, ma sì, mi hai convinta (4 e mezzo!!!!!)
    Ciao da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai leggendo Pista nera! Curiosissima di leggere la tua recensione.
      ribaci lea

      Elimina
    2. Sono sicura che a te questi due romanzi piaceranno tantissimo! Sì, Manzini lo inizio oggi ;)

      Elimina
  2. Ho Il mondo di Belle nella mia libreria ma non l'ho ancora letto, devo recuperare anche questo nuovo libro visto la tua positiva recensione!

    RispondiElimina
  3. Capitano, me li segno tutti e due e vado a nascondermi nella cambusa a leggere. ;)
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo dubbi, ma rifornisciti di viveri!

      Elimina
  4. E' il seguito de "Il mondo di Belle" da cui hanno tratto il film quindi. Segno tutto, potrebbero piacermi.

    RispondiElimina
  5. Anche io me li segno entrambi e anche io sono curiosa come una bertuccia di sapere se Pista nera ti piacerà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io cercherò di soddisfare la tua curiosità quanto prima :)

      Elimina
  6. Il mondo di Belle è in WL da secoli, ora aggiungo anche questo. Con buona pace dei troppi libri arretrati e del poco tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dico sempre io: "I libri non scadono!"

      Elimina
  7. Non conoscevo questa autrice, ma le tue parole su questo libro mi fanno pensare che mi possa piacere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso ci sono autori che non conosciamo e che si rivelano liete sorprese!

      Elimina
  8. Sai che avevo adocchiato questo romanzo ma prima devo recuperare "Il mondo di Belle"! Leggere il tuo pensiero mi convince sempre più che amerò queste letture :) Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh io sono sicurissima che tu sarai in grado di cogliere l'essenza di questi romanzi!

      Elimina
  9. se ti ha commosso voglio leggerlo, anche se credo che dovrei prima recuperare Il mondo di Belle

    RispondiElimina
  10. chissà quando mi capiterà tra le mani... Lo devo avereeee

    RispondiElimina