Enter your keyword

venerdì 18 settembre 2015

Ti consiglio un libro #6–Ti consiglio un libro da cui sia stato tratto un film


Faccio una premessa: non amo (quasi) mai i film tratti dai libri, soprattutto quando si tratta di libri che ho particolarmente amato.
Il libro che ho deciso di consigliarvi oggi è uno l’unico che mio marito ha letto prima di me e che mi ha spinta a prendere in mano. È una biografia, ma di quelle belle belle...


Titolo: Steve Jobs
Autore: Walter Isaacson
Casa Editrice: Mondadori
Pagine: 642
Prezzo: 20.00 €








Ecco, io lo dico che le biografie le amo, ma solitamente si tratta di biografie riguardanti personaggi storici. Steve Jobs la storia l’ha fatta, quantomeno quella moderna, ma questo libro, forse anche per il suo numero di pagine non proprio esiguo, mi spaventava un po’. Continuavo a chiedermi come potesse essere interessante la storia di un uomo che, tutto sommato, aveva passato la vita creando computer. Ecco, niente di più sbagliato! Steve Jobs è IL personaggio per eccellenza. La sua vita, la sua storia, il suo essere anche tanto stronzo, ma maledettamente geniale, rendono questo libro divorabile e indimenticabile!
Ovviamente, da questo libro, complice la prematura scomparsa di Jobs, è stato tratto un film. Perché l’ho guardato? Sempre per colpa della mia dolce metà. Mi è piaciuto? No. Né a me né a lui!
Hanno preso 640 pagine di vita e le hanno ridotte a 4 nozioni. L’unica nota positiva, è l’attore che interpreta Steve Josb: Ashton Kutcher. La somiglianza è davvero impressionante e si nota parecchio che Kutcher ha fatto un gran lavoro su se stesso per cercare di rendere tutto il più verosimile possibile (camminata di Jobs inclusa!).
Voi avete letto questa biografia? Avete visto il film?
Adesso passo la parola a Laura, Salvia e Dany per scoprire quale libro e quale film hanno intenzione di consigliarci!

3 commenti:

  1. Non ho letto la biografia, ma ho visto il film, e devo dire che nemmeno io l'ho apprezzato... Mi è sembrata quasi una favoletta retorica, la tipica parabola del "ragazzo che ce l'ha fatta". Sono sicura che il libro offra maggiori sfumature.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è uno di quelli che io consiglio a tutti, perché, a differenza del film, non è la "favoletta" come hai detto tu. Ti racconta la vita di una persona che ha avuto tante difficolta, tanti problemi, con un pessimo carattere, ma anche un grande cervello!

      Elimina
  2. Esatto, ero proprio convinta di questo! Le vite vere delle persone (per quanto geniali siano) non si riducono mai alla semplice favoletta. Dovrò leggerlo assolutamente!

    RispondiElimina