Enter your keyword

lunedì 7 settembre 2015

Recensione “Prometto di sbagliare” di Pedro Chagas Freitas - Garzanti

prometto di sbagliareSINOSSI

Il locale è affollato e rumoroso. L'uomo è seduto vicino alla finestra e guarda il cielo grigio, annoiato come ogni lunedì mattina.
Improvvisamente si volta e lei è lì, di fronte a lui. Gli occhi carichi di stupore e l'imbarazzo tradito dal tremito della dita che afferrano la borsa. Sono passati anni dall'ultima volta che l'ha vista, il giorno in cui l'ha lasciata. Senza una spiegazione, senza un perché, se n'è andato spezzandole il cuore. Da allora, lei si è rifatta una vita, e anche lui. Eppure solo ora si rende conto di non avere smesso di amarla neanche per un secondo. Per questo, quando lei cerca di fuggire da lui, troppo sconvolta dalle emozioni che la percuotono, l'uomo decide di fermarla. E nel loro abbraccio, in mezzo ai passanti, prometterle di tentare, agire, cadere, sbagliare di nuovo. Amarla. Davvero e per sempre. Questa sembrerebbe la fine, ma non è che l'inizio della loro storia. Perché ogni loro gesto, ogni lettera che si scrivono, ogni persona che incontrano, ha un universo da raccontare. E l'amore è il filo rosso che lega tutto. Quante volte ci siamo chiesti com'era l'amore da cui siamo nati? Come si è sentito nostro padre la prima volta che ci ha tenuto in braccio? L'emozione più grande è quella di ritrovare quello che si è perso e amarlo di nuovo, come se fosse la prima volta.
Prometto di sbagliare è un fenomeno editoriale senza paragoni. Appena uscito ha conquistato la vetta di tutte le classifiche bestseller, rimanendo per mesi ai primi posti. È stato venduto in tutto il mondo dopo aste agguerrite. La rete è invasa di commenti e migliaia di fan l'hanno eletto libro dell'anno. Perché l'amore ci spezza, l'amore ci stordisce, l'amore ci fa sentire immortali e subito dopo inermi e senza forze. Ma il suo potere più grande è quello di farci sentire liberi. Questo è l'amore che con un sussurro parla direttamente alla nostra anima.

TITOLO: Prometto di sbagliarePrometo Falhar
AUTORE: Pedro Chagas Freitas
TITOLO ORIGINALE: Prometo falhar
TRADUZIONE A CURA DI: Paola D’Agostino
EDITORE: Garzanti
DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 agosto 2015
PAGINE: 380
ISBN: 9788811670674


Piacere Libridinoso

Letto in 3 giorni



E come si fa a recensire questo romanzo? Perché, fondamentalmente, questo non è un romanzo. Non c’è una storia, non ci sono personaggi... Quello che troverete in questo romanzo è un’ode all’amore.
L’amore imperfetto, l’amore vivo, l’amore doloroso, l’amore gioioso.
In questo libro, Pedro Chagas Freitas ci racconta, pagina dopo pagina, varie forme d’amore e di dolore. 
Se avessi potuto scegliere, sarei nata tra le tue braccia
Questo è l'esempio di come l'autore ci narri l'amore nella sua parte migliore. Al contrario

Ti ho amato per sempre anche se non ti amavo più
ed ecco spiegato l'amore che fa male.

Con una scrittura sicuramente molto personale e particolare, l’autore porta il lettore a dover quasi intuire cosa stia accadendo in ogni singolo racconto.
È un libro insolito, uno di quei libri che, se non fossi stata una blogger e non avessi preso un impegno con la Casa Editrice, probabilmente avrei appoggiato sul mio comodino e avrei sbocconcellato sera dopo sera, qualche pagina ogni giorno prima di dormire.
Perché credo proprio che l’essenza di questo romanzo sia racchiusa proprio nel fatto che vada assaporato e non divorato. Ogni piccola storia ha un suo mondo dietro che va capito e compreso pian piano.

Questo è uno di quei romanzi che non consiglierei a tutti. È un libro troppo particolare perché tutti possano apprezzarlo, troppo strano perché tutti possano capirlo. Il rischio, alto, è che si arrivi al punto di odiarlo, di non coglierne l’essenza.
Quindi, se avete voglia di leggerlo, vi dico subito che la sinossi, tanto per cambiare, non c’entra assolutamente nulla con ciò che il libro racchiude.

Io sono sempre più certa di voler conoscere chi scrive le sinossi. Ditemi: vi minacciano? Rischiate la vita a scrivere qualcosa che c’entri con la storia? Vi tagliano i lobi delle orecchie se osate anche solo farci capire cosa ha intenzione di raccontarci un autore? Se è così, provate a lasciarci un messaggio in una delle tante (inutili) sinossi che scrivete. Diciamo che la prima lettera delle prime 20 parole formerà una frase che ci indichi dove siete tenuti prigionieri. Facciamo così, vi va?
Io mi impegno, in qualità di blogger e lettrice accanita, a mettere in piedi una crociata per salvarvi!

14 commenti:

  1. Io non ce la posso fare. Per fortuna c'è Stefania...e lo sta leggendo lei!
    ;-)
    Magari le sinossi le scrive Vani...giusto per ridere alle nostre spalle.
    un saluto da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da Vani mi aspetto questo ed altro! Sono curiosa di sapere cosa ne pensa Stefania, aspetto pazientemente!

      Elimina
  2. Con il tuo commento sugli autori delle sinossi mi hai fatta morire dal ridere! Guarda io sono pienamente d'accordo con te, a volte mi capita di leggere delle sinossi che sono talmente lontane dall'universo del libro che mi domando se non abbiano sbagliato ad infilare la sovraccopertina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello delle sinossi sbagliate diventerà il mistero irrisolto del secolo. In questo caso, però, mi spiace particolarmente perché credo che in molti compreranno il romanzo proprio in funzione di ciò che c'è scritto e non riusciranno ad aprezzarlo come si deve.

      Elimina
  3. Leggerò questo libro...sembra molto coinvolgente...io però sono un pò emotiva...spero di non annegare nelle mie stesse lacrime...😓😢

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ha pianto Salvia, notoriamente insensibile, credo che per te il rischio sia alto!

      Elimina
  4. Concordo su ogni tua parola e anche io vorrei conoscere il genio di questa sinossi u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io aspetto il tuo pensiero su questo libro!

      Elimina
  5. mi hai fatto morire dal ridere!! e mi unisco alla campagna per salvare chi scrive le sinossi sotto tortura ^_^

    RispondiElimina
  6. Avevo letto la trama qualche giorno fa e mi era piaciuta. Ho scaricato l'anteprima dallo store, accorgendomi già dalle prime righe che non era affatto come era stato dipinto.
    Le prime pagine non sono altro che pensieri sconclusionati, senza nessun filo logico e contenenti solo una serie di banalità sull'amore.
    Ora, non ho letto il libro, ma dubito sia così diverso dai primi capitoli.

    RispondiElimina
  7. Il tema può essere sempre il solito, l'amore... Ma mi ha suscitato emozioni diverse in ogni piccolo capitolo! Bellissimo,.. C'è poco da dire, ammetto che alcune pagine ho dovuto rileggerle due volte per capirne a pieno ogni minima parola...
    Concordo pienamente sulle sinossi ;)

    RispondiElimina
  8. Il tema può essere sempre il solito, l'amore... Ma mi ha suscitato emozioni diverse in ogni piccolo capitolo! Bellissimo,.. C'è poco da dire, ammetto che alcune pagine ho dovuto rileggerle due volte per capirne a pieno ogni minima parola...
    Concordo pienamente sulle sinossi ;)

    RispondiElimina
  9. Ecco, il tuo commento su chi scrive le sinossi la dice molto lunga sul libro, molto di più di quello che dice la tua recensione. Sbaglierò, ma se non avessi avuto un impegno con la casa editrice, probabilmente non avresti trovato il lato positivo in questo volume.

    RispondiElimina