image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Recensione 'Ritratto di un matrimonio' di Robin Black–Neri Pozza

ritratto di un matrimonioSINOSSI

Augusta e Owen sono sposati da così tanto tempo da essere ormai «un’unica creatura» solitaria e separata dal resto del mondo. Da poco vivono in campagna, in una fattoria dove la terra è un luccichio di foglie dal suolo fino al  cielo, e i laghi sono così perfettamente rotondi che sembrano usciti da un libro di fiabe. Augusta è una pittrice, ha gli occhi azzurri sotto le sopracciglia nere e un’avvenenza che suggerisce forza e potenza. Owen è uno scrittore, ha quarantotto anni ma pare ancora un ragazzo, con i capelli lunghi che gli cadono sul viso e i maglioni che sembrano presi in prestito dal padre. Augusta e Owen vivono in una vera e propria «enclave creativa» da quando Alison, una pittrice, ha preso in affitto la casa di fronte alla loro. Minuta, il viso sorridente, le guance tonde, gli occhi grigio chiaro che sembrano d’argento come i capelli, Alison si è rifugiata in campagna attratta dall’idea di avere degli artisti come vicini.
Abitare un’antica fattoria, dipingere ogni singolo scorcio di un luogo incantato, scrivere in un granaio su un’amena collina, essere «un’unica creatura»: la felicità sembrerebbe la condizione naturale di Augusta e Owen se… se i due osassero soltanto portare alla luce i folletti maligni che li sbeffeggiano dall’ombra e li sfidano a farli uscire.
La ragione vera del trasferimento della coppia in campagna non ha, infatti, nulla a che vedere con il coronamento del loro idillio, ma con la sua sfiorata fine, precisamente con il tradimento di Augusta, o meglio di Gus, come la chiama Owen. Un tradimento consumato anni prima con il padre di un’allieva, e rimasto una presenza costante nella loro vita. Gus ha commesso l’errore di confessarlo a Owen, con l’incauta passione di chi è convinta di purificarsi e dimentica che forse sta corrompendo chi ascolta. Da allora Owen è l’uomo che sa troppo, lo scrittore che ha in testa un opprimente pensiero fisso. Per questo trascorre giornate intere nel granaio e ne esce con l’aria afflitta. Per questo la sua scrittura si è raggomitolata su se stessa per poi morire.
Per fortuna, però, ora è giunta nell’enclave Nora, la figlia di Alison, il corpo longilineo, i capelli biondi legati, una versione Modigliani della madre che tuttavia, diversamente dalla lei, non dipinge ma ama la letteratura e, in modo particolare, la scrittura di Owen: un genio, per lei, una fonte di ispirazione, un autore sottovalutato, destinato a elogi postumi.

TITOLO: Ritratto di un matrimonio Life Drawing
AUTORE: Robin Black
TITOLO ORIGINALE: Life drawing
TRADUZIONE A CURA DI: Chiara Brovelli
EDITORE: Neri Pozza
PAGINE: 256
DATA DI PUBBLICAZIONE: 19 marzo 2015
ISBN: 9788854508392

TRAMA 4
PERSONAGGI 5
STILE 5
INCIPIT 6
FINALE 6
COPERTINA 8


Delusione Libridinosa ... e mezzo

Letto in 4 giorni


Quando ho terminato la lettura di questo libro, l’ho chiuso, l’ho appoggiato sul comodino e l’ho lungamente fissato.
Una domanda mi ha occupato la mente per tutta la lettura: c’è qualcosa di introspettivo dietro la storia che l’autrice cerca di raccontarci? Qualcosa che lei vorrebbe farci capire, una morale, un messaggio? Io, sinceramente, non ci ho trovato nulla.
Ho riflettuto parecchio prima di scrivere questa recensione. Sono andata a riguardare quelli che sono i passaggi salienti della storia... ma nulla.

Questo è un romanzo che, seppur nella sua brevità, si trascina dietro una grande pesantezza. Avete presente quei sogni in cui si cerca di camminare e si sentono gli arti come se fossero incollati a terra? Quando ogni passo costa un’immane fatica? Ecco, questa è stata la sensazione che questo romanzo mi ha trasmesso. Una storia ancorata a terra e che non riesce a portare il lettore da nessuna parte.
Durante tutta la narrazione, si percepisce quasi l’autrice che si trascina stancamente come i personaggi che animano il libro.

Robin Black ci narra la vita di Owen ed Augusta (detta Gus), una coppia di mezza età, lui scrittore di nicchia, lei pittrice. I due decidono di andare a vivere in una fattoria isolata dal mondo, un po’ come se, per essere coppia, avessero bisogno di isolarsi dal mondo esterno.
Qualche anno prima, infatti, Gus ha tradito Owen e la cosa ha avuto una certa rilevanza nella loro decisione di lasciare la città ed isolarsi in campagna.
Quando i due sembrano aver trovato un certo equilibrio, ecco irrompere nelle loro vite Alison e Nora, madre e figlia, che occupano la casa vicina.

Sinceramente, si capisce sin dalle prime pagine quali saranno gli eventi che sconvolgeranno la vita dei due coniugi. Anche il finale, affrettato e banale, si intuisce sin dalla metà della storia.
Insomma, una lettura deludente, noiosa, pesante, triste. E se c’è una parte introspettiva, io non sono proprio riuscita a coglierla.

Share this:

CONVERSATION

1 pensieri dei lettori:

  1. Uhhhhh peccato... questo libro mi ispirava ma a questo punto passo! Quello che odio nei libri è la pesantezza che generalmente denota qualcosa che non va nello stile! Se in più arrivi alla fine e ti chiedi quale fosse lo scopo allora è tutto sbagliato.

    RispondiElimina