image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Recensione 'La presentatrice morta' di Peppi Nocera – Longanesi


SINOSSI
È la sera della grandiosa festa del cinquantottesimo compleanno di Eda Dolci, star televisiva che ha fatto la storia del piccolo schermo. Bella, famosa e spietata, Eda ha un marito, due figli, un cane. Eppure nulla della sua esistenza è ordinario. Nemmeno il suo compleanno. Gli ospiti sono arrivati numerosi per celebrarla come merita, ma Eda Dolci non taglierà mai quella torta, perché giace indecorosamente morta nel suo lussuoso attico romano, con tanto d'occhio sbarrato e il filo della cornetta del telefono aggrovigliato alla mano. Il problema è che sono tanti, troppi quelli che l'avrebbero uccisa volentieri. Starlette, truccatrici, pierre, jet set internazionale e coatti palestrati di periferia. Perché Eda Dolci era temuta da alcuni, disprezzata da molti e amata da nessuno.
TITOLO: La presentatrice morta
AUTORE: Peppi Nocera
EDITORE: Longanesi
DATA DI PUBBLICAZIONE: 30 aprile 2014
PAGINE: 238
CODICE ISBN: 9788830438637
PREZZO: 14.90 €
TRAMA 2
PERSONAGGI 1
STILE 5
INCIPIT 6
FINALE 2
COPERTINA 7

Spreco Libridinoso
Letto in 1 giorno


Ecco! Doveva accadere prima o poi. Era troppo bello per essere vero. Anno 2015, sedici libri letti in due mesi, voto più basso: 3 e mezzo su 5. Ho pensato: fortuna o bravura? Fortuna nel trovare solo libri belli o bravura nel riuscire a capire, dopo tanto leggere, cosa è meglio evitare?
Poi arriva qui una certa persona, spulcia tra i miei libri da leggere, afferra questo, così, d'istinto, e mi dice: <<Leggilo>>.
E io non ve lo dico chi è questa persona, perché poi sembra che io ce l'abbia sempre con lei; perché lei mi direbbe <<Befana!>> e, soprattutto, perché questo libro l'ho acquistato io e me ne prendo la colpa!
E l'ho acquistato, lo ammetto, perché mi piaceva la copertina e, in fondo, anche la sinossi era accattivante!

Così, ieri, salutata Bellano ed i suoi magici personaggi, riposto il libro di Vitali nel suo scaffale di pertinenza, ho preso in mano questo romanzo, pronta a tuffarmi in una storia leggera, divertente, che mi distraesse un po'. E invece no.
Storia? Inesistente. Personaggi? Non pervenuti. Stile? Da autore televisivo... ma di quelli che scrivono i programmi per gente come Barbara D'Urso, giusto per farvi capire. Quindi: sesso, droga, parolacce. Stop.

Una storia insulsa, inutile, stupida. Dei personaggi mal descritti e antipatici. E, dulcis in fundo, il più classico dei cliché: tv = sesso e droga.

Conclusione: bella copertina, complimenti a chi ha scritto la sinossi (prima o poi, lo confesso, mi piacerebbe conoscere una di queste persone per cercare di capire se i libri li leggono davvero o se gli vengono raccontati da qualcuno!). Per il resto, se avete un camino o un barbecue, questo libro può sempre tornare utile!

Share this:

CONVERSATION

17 pensieri dei lettori:

  1. Che peccato! La copertina è deliziosa, mannaggia per il resto :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La copertina ha fregato anche me, Lucrezia! Per fortuna non è lunghissimo, quindi l'ho letto in fretta e non ci ho perso tempo prezioso.

      Elimina
  2. Ammazza me l'hai distrutto XD
    Ero partita così bene. Bella la copertina, interessante la sinossi. Poi leggo i tuoi voti e penso: "devo essermi persa qualche passaggio "XD
    Meglio così. Una schifezza in meno da leggere. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, io ci ho perso un giorno, tu quel giorno potrei dedicarlo sicuramente a qualcosa di meglio!

      Elimina
  3. Ok Laura, è arrivato il momento di decantarti le mie regole d'oro nello scegliere i libri da comprare:
    - mai comprare libri di personaggi famosi "non scrittori" (Fabi Volo vari, ecc)
    - mai comprare libri definiti "deliziosi" dai giornali famosi
    - mai e poi mai libri con cani e gatti in copertina!
    Comunque, cavolo 1 voto solo... è proprio un no! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non potevi dirmele prima queste regole? Che ne so... mandarmi una lista?! Ok, prometto solennemente di non farmi più traviare dalle copertine! E... vabbè, ho dato 1 perché dare 0 mi sembrava veramente da str****!!!

      Elimina
    2. Hai ragione! Dovevo mandarti la lista!! :D

      Elimina
    3. Concordo sulle cover con i cani e ultimamente aggiungerei cover o titoli che abbiano a che fare con librerie!!!! ;)

      Elimina
  4. Ah ah ah!!!! Certo che è sempre colpa mia per la miseria. Però il libro lo hai comprato tu, proprio come hai scritto!!! Mortacci a tutti coloro che hanno detto che io sono stata perfida con Green. Quando un libro non ci piace...bisogna dirlo. Punto. E se qualcuno di offende io risponderei: mica si può piacere a tutti, altrimenti che palle!!! Metti in scambio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi lo prende Baba dopo una recensione così ;-)

      Elimina
    2. Io mi ero astenuta dal fare il tuo nome! E comunque, io non scambio!

      Elimina
  5. A volte capita una brutta lettura! Anche il cane in copertina ha uno sguardo ambiguo. Forse vuol avvertire i lettori di girare alla larga dal libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia, lo sguardo mi era proprio sfuggito!

      Elimina
  6. A parte sono stati i nazisti a bruciare i libri e che un antico adagio dice che gli stessi non devono essere giudicati dalla copertina, io ho avuto un approccio esattamente contrario. Sono partita prevenutissima e l'ho trovato molto preciso e illuminante nel raccontare un mondo veramente volgare. E' scritto bene, è denso di riferimenti e si distanzia molto da i tantissimi libri con sintassi soggetto-predicato-complemento-punto tanto in voga di questi tempi. Ma il mondo è bello perché vario, un caro saluto Anna L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente, il mio riferimento al bruciare i libri era prettamente ironico. Certo che i libri che a me piacciono per te sono feccia, quelli che boccio sono capolavori. Un po' strana questa cosa! Evidentemente abbiamo proprio gusti diversi.

      Elimina
  7. Mai giudicare un libro dalla copertina! Nel senso opposto in questo caso. Grazie una fregatura evitata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, cara! Io spreco ore della mia vita, ma almeno salvo te!

      Elimina