image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Recensione 'Dopo il nero della notte' di Cristina Rava - Garzanti


SINOSSI
Fulmini e saette squarciano il cielo seguiti da assordanti tuoni. Nell'ascensore della vecchia biblioteca, nella tenebra totale, un uomo scivola contro lo specchio e muore. Accanto a lui, due polverosi libri dalle pagine ingiallite. Il caso viene assegnato al medico legale Ardelia Spinola, che conosce bene le procedure da seguire e i protocolli a cui attenersi. Ma a lei piace fare di testa sua. È impossibile mettere a tacere il suo istinto da investigatrice. Soprattutto ora che Ardelia ha bisogno di tenere l amente occupata. La sua vita è stata sconvolta da qualcosa che non credeva potesse capitare a lei, che non è più una ragazzina: un incontro speciale. Arturo, manager di successo che all'improvviso ha lasciato tutto per fare l'apicoltore. Con lui condivide l'amore per i gatti: i migliori amici di Ardelia. Quando si scopre che la vittima è un bibliotecario appassionato di testi antichi, la dottoressa è sicura che dietro questo caso si nasconda qualcosa di misterioso. L'uomo, prima di trasferirsi nella cittadina ligure, era un professore universitario stimato in tutta Europa. Un evento importante deve averlo portato a rinunciare alla sua carriera. Non ci sono molti elementi su cui indagare, ma Ardelia ha dalla sua quel fiuto che non la tradisce mai. ha la sua pista da seguire. Una pista in cui l'aspettano sconcertanti scoperte. Una pista pericolosa in cui è facile perdersi quando il buio è più cupo dell'oscurità della notte.
TITOLO: Dopo il nero della notte
AUTORE: Cristina Rava
EDITORE: Garzanti
DATA DI PUBBLICAZIONE: 29 maggio 2014
PAGINE: 300
CODICE ISBN: 9788811687450
PREZZO: 16.40 €
E-BOOK: 9.99 €
TRAMA 9
PERSONAGGI 8
STILE 9
INCIPIT 7
FINALE 9
COPERTINA 8

Piacere Libridinoso ... e mezzo!
1746 Letto in 3 giorni

Lo so! Laura ha detto che non si comprano libri con animali in copertina; e neanche libri con altri libri in copertina.
Ma ho ben tre motivazioni a mia discolpa! Primo: questo libro mi era stato suggerito dalla dolcissima e bravissima Loredana Limone (che per noi LGS è ormai zia Loredana !!)... e vuoi dire no alla zia? Secondo: questo libro l'ho acquistato prima di conoscere le regole di Laura. Terzo: questo romanzo è l'eccezione!

Io faccio parte di quella schiera di lettrici che, per una questione di età oltre che di gusti, ha amato Kay Scarpetta. Ho letto tutti i libri con protagonista la famosa anatomopatologa italo-americana creata dalla prolifica penna di Patricia Cornwell.Tutti i libri tranne gli ultimi tre. Perché? Semplice: Kay era diventata un personaggio noioso e le storie erano ripetitive. E ammetto che questa mia disaffezione mi ha spinta a diffidare di libri con protagonisti medici e investigatori. È per questo motivo che questo romanzo è rimasto in attesa per alcuni mesi. 

Poi, due giorni fa, l'ho preso tra le mani e ho fatto la conoscenza di Ardelia Spinola, 52 anni, anatomopatologa, un po' ficcanaso, impaziente e, soprattutto, divertente ed adorabile!
Se il personaggio Kay Scarpetta era una donna rigida, precisa, rigorosa e spesso saccente ai limiti dell'antipatia, Ardelia Spinola Collageè un concentrato di simpatia; uno di quei personaggi che si iniziano ad amare e di cui si ha nostalgia al termine della lettura; e magari ci si ritrova a far proprie alcune sue espressioni!
Anche i personaggi che le fanno da contorno nella sua quotidianità, emanano la stessa simpatia, a partire da Ughetto (il cui nome è già tutto un programma!), suo assistente
quarant'anni portati male, ha vissuto tutta la vita con una madre dispotica, avara, miserabile come le peggiori figure di Dickens.
Così, mentre tra i vicoli di Albenga si consuma l'assassinio di Ludovico Drovetti, illustre e solitario bibliotecario, noi conosceremo meglio Ardelia, la vedremo innamorarsi di un affascinante apicoltore, Arturo Granero; la sentiremo battibeccare con Ugo Bottini, Pubblico Ministero e, soprattutto, amico fidato e, apoteosi della risata, conosceremo Salvo e Carmelina,
Povere arterie! Melina è capace di friggere qualsiasi cosa!
vicini di casa e siciliani sino al midollo!
Ovviamente, in tutto ciò si dipanerà la risoluzione del caso Drovetti!

Ci sono volte in cui, più di altre, mi capita di aver voglia di recensire un libro. Questo accade quando si tratta di una stroncatura totale e, quindi ho proprio bisogno di sfogare la mia frustrazione da lettrice delusa; ma, ancora di più, succede quando mi capitano tra le mani piccoli capolavori come questo! Durante la lettura, inizio a prendere appunti e cerco di strutturare il pensiero per far sì che voi, passando da qui e leggendo, possiate dire: <>.
Ecco! Io spero proprio che, in questo momento, voi stiate pensando di annotarvi questo titolo.

Perché questa è una storia bella, intricata al punto giusto, con personaggi eccellenti; una storia che si fa amare e che lascia il giusto pizzico di nostalgia a fine lettura (nostalgia che ho attenuato con la scoperta di un precedente romanzo di Cristina Rava con protagonista Ardelia Spinosa)!
L'autrice è bravissima nel trasmettere gli stati d'animo dei personaggi e nel descrivere i luoghi, tanto che mi è capitato di avere spesso la sensazione di percepire l'odore del mare o il rumore della pioggia improvvisa.
Un libro davvero bello, che si legge volentieri, che strappa veramente tanti sorrisi! A questo punto, non mi resta che procurarmi il primo romanzo e poi sperare in altre avventure per Ardelia!








Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento