image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Una pagina da... #15-2014

Una pagina da… è la rubrica del mercoledì in cui vi riporto la pagina che sto leggendo del libro che sto leggendo (scusate il gioco di parole!).

Come essere una brava moglie

di

Emma Chapman

come essere una brava moglie

20131021_173950-1

...sul pavimento dell'ingresso. Vedo il suo volto sul mio, indistinto nella fioca luce dell'atrio.
"Marta?"
Riconosco a fatica i tratti dell'uomo: la pelle flaccida del volto, gli occhi azzurri. È Hector.
Mi guardo il corpo. Sono di nuovo io. Ma ero lei: ero nel suo corpo, ed era come se non ci fosse alcuna via d'uscita.
"Che cosa è successo?" chiedo.
"Ti ho trovata sui gradini dell'entrata," dice. "Ho provato a chiamarti, ho cercato di rianimarti. Non potevo di certo lasciarti là fuori."
Ha la fronte umida.
"Hai dolore al ginocchio operato?"
Scrolla le spalle. "Va bene."
"Non ti ho sentito" dico.
"Lo so" dice. "Ero preoccupato per te. E lo sono ancora. Mi ha ricordato la volta in cui ti ho trovata, Marta." Ha gli occhi sgranati. "E anche quella volta ti ho portata dentro. Eri troppo debole per camminare."
Mi strofina il braccio.
"Mi hai trovata sui gradini d'ingresso?" chiedo.
Hector fa un cenno di assenso.
"Eri così magra e malata, un fantasma. Più facile da portare." Sorride. "Ma di certo non potevo lasciarti là fuori nemmeno quella volta. Ero sicuro che tu fossi una brava persona. E non mi sbagliavo."
Mentre mi prende per mano, vedo il volto di un Hector giovane, reclinato sulla vasca mentre mi strofina il corpo. Mi avvolge in un asciugamano. Mi mette a sedere sul bordo del letto. Mi pettina, con delicatezza in un primo momento, poi...

PAGINA 133

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento