image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Top Ten Tuesday #4

TOP TEN TUESDAY è una rubrica settimanale ideata dal blog The Broke and the Bookish che consiste nel pubblicare ogni martedì una classifica basata sui temi scelti dal blog sopra citato. Io, invece, ho conosciuto questa rubrica grazie al blog di Anna, La tana di una booklover.
Premetto che sono quasi sicura che, in base all'argomento, non sempre riuscirò a stilare una classifica che comprenda 10 libri e, soprattutto, tendo a sottolineare che i titoli saranno in ordine sparso e non di preferenza.

10 motivi per cui mi piace essere una  lettrice ed una book blogger

Perché mi piace esprimere le mie opinioni su ciò che leggo.
L'ho sempre fatto, anche se privatamente. Un taccuino ha sempre custodito il mio parere su ciò che leggevo. Ad un certo punto, ispirata da un libro che stavo leggendo, ho pensato che sarebbe stato carino condividere il mio giudizio con altre persone...ed ecco qui la nascita del blog!

Perché, in questi mesi, ho conosciuto persone fantastiche!
Quando ho creato il blog, era una nicchia solo mia. Pian piano, però, mi sono ritrovata circondata da persone meravigliose che mi seguono quotidianamente e che mostrano nei miei confronti infinito affetto! Dalle colleghe blogger alle semplici lettrici che si affidano a me per prendere spunto per le loro prossime letture, posso sicuramente affermare che siete tutte persone fantastiche!

Perché ho avuto la possibilità di conoscere autori che amo.
Spinta dal voler far crescere questo posticino, ho cercato di partecipare a qualche incontro letterario. Così ho avuto il piacere di (re)incontrare Glenn Cooper, di stringere la mano a nonno Vitali e, ovviamente, di abbracciare Luca Bianchini, di cui, ancora oggi, vorrei avere un clone in giro per casa!

Perché ho debellato i pochi momenti di noia che affliggevano le mie giornate!
Nonostante sia diffuso il parere che le blogger siano nullafacenti, vi assicuro che cercare di tenere un blog attivo non è un lavoretto da nulla. Pubblicare le rubriche, recensire, fare in modo che, almeno 5 giorni su 7, il blog sia attivo, non è un lavoretto da nulla. Certo, ci sono post che si possono preparare prima e pubblicare in automatico. Ma, il grosso del lavoro, è quotidiano. Con questo non voglio certo dire che mi ammazzo di fatica, ma non sto neanche a girarmi i pollici!

Perché Luca Bianchini mi chiama La Libridinosa e in sala operatoria mi hanno riconosciuta!
Che, detto così, può anche sembrare un po' strano. Ma volete mettere la soddisfazione di me, tapina, quando Bianchini Luca, scrittore, mi disse, per la prima volta: "Ma tu sei La Libridinosa? Finalmente ti conosco!". Io rischio di svenire ancora adesso, mentre ve lo scrivo!
In sala operatoria, invece, complice il tatuaggio sul braccio sinistro che raffigura quella bella bambolina in bilico sui libri (e che via accoglie ad ogni vostro passaggio su questa pagina), un paio di simpatiche infermiere mi hanno riconosciuta come La Libridinosa. Spiegargli che anche una blanda sedazione rende rimbambite non è stato semplice! Comunque, son soddisfazioni!!

Perché da quando ho aperto il blog leggo mooooolto di più.
Direte: "Com'è possibile?" È vero, leggevo già tanto prima, ma il blog ha incrementato ulteriormente la mia catasta di libri. Spinta anche dalla voglia di condividere con voi il più possibile, ecco che, complice anche il mio Kobo, leggo in ogni ritaglio di tempo possibile!

Perché la pila di libri in attesa di essere letti è in costante aumento.
Direte: "Ma che motivo è?". Bene, se vi state ponendo questa domanda, evidentemente non siete dei lettori accaniti (e io mi chiedo cosa facciate qui!). Una delle grandi soddisfazioni di noi lettori è, sicuramente, quella di avere tanti, tantissimi libri da leggere! Vedere quei cumuli infiniti di libri che ci aspettano, ci crea una sorta di appagamento. Bene, con la scusa del blog, accumulo più libri di quanti, probabilmente, riuscirò mai a leggerne, perché qualcuno dovrà pur recensirli, no?!!!

Perché voi vi fidate di me!
E continuate a ribadirmelo ogni qualvolta mi scrivete: "Se a te questo libro è piaciuto, allora io devo assolutamente leggerlo". Mi caricate di una grande responsabilità, ma, a parte un paio di eccezioni, siete sempre tornati tutti a dirmi: "Avevi ragione!". Quindi, GRAZIE!

Amo essere una lettrice perché leggere mi dà la possibilità di vivere mille vite diverse, di conoscere posti che, probabilmente, non vedrò mai in vita mia, perché posso passare dall'essere una dama dell'Ottocento allo sposarmi in Puglia nell'arco di poche pagine!

Amo essere una lettrice perché ho avuto la possibilità di conoscere la mia metà della mela librosa: vive lontano da me, ma, in ogni gesto, in ogni parola, in ogni pensiero lei C'È!
Ti voglio bene, Capetta!

E adesso tocca a voi: perché amate essere blogger e, per chi non lo è, perché amate essere lettori?

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento