image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Pagina 69 #1-2014

64102_508634949204915_1924591245_n
Con un giorno di ritardo eccovi la rubrica del venerdì. Da questa settimana, vi riporterò la pagina 69 dei libri che ho letto nel 2013. Iniziamo con
La chiave di Sara
di
Tatiana De Rosnay
la chiave di sara
Da quanto tempo si trovavano là? Non riusciva a ricordare. Si sentiva frastornata, intontita. Le notti si erano mescolate ai giorni. A un certo punto le venne un conato e con un grido di dolore vomitò bile. Sentì su di sé la mano rassicurante del padre. L'unica cosa che le occupava la mente era il fratello. Non riusciva a smettere di pensarci. Non faceva che tirare la chiave fuori dalla tasca per baciarla febbrile, come se fossero le sue guance o i capelli riccioluti.
Alcune persone erano morte nei giorni precedenti, e lei aveva visto tutto. Aveva visto picchiare e legare alle barelle donne e uomini impazziti per il caldo soffocante e il fetore. Infarti, suicidi, febbre alta. Corpi che venivano portati via. Mai aveva assistito a un simile orrore. La madre era diventata un docile animale. Non parlava quasi. Piangeva in silenzio. Pregava.
Una mattina, gli altoparlanti sputarono bruschi ordini: prendere le proprie cose e radunarsi vicino all'ingresso in silenzio. Si alzò a fatica, priva di forze. Quasi non si reggeva sulle gambe. Aiutò il padre a tirare su la madre. Raccolsero le borse. La folla arrancò verso le porte. Notò come tutti si muovessero lenti, addolorati. Perfino i bambini camminavano barcollando come vecchi, schiena curva, capo chino. Si chiese dove li avrebbero mandati. Avrebbe voluto domandarlo al padre, ma dal volto sparuto e cupo capì che in quel momento non avrebbe avuto risposta. Sarebbero finalmente tornati a casa? Era la fine? Finito tutto? Poteva andare a casa a liberare il fratello?

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento