Enter your keyword

venerdì 31 maggio 2013

Pagina 99...#6

By On maggio 31, 2013
Pagina 99
è una rubrica che consiste nel riportarvi
la 99esima pagina di uno dei libri che ho già letto.
Perché proprio pagina 99?
Perché è un buon punto per poter capire la storia
senza però svelarne troppo!
  
La pagina 99 di questa settimana è tratta da
Benjamin
di
Federico Axat
Benjamin
...a un oblò, ed era socchiuso, ma non abbastanza affinché un adulto ci potesse passare. Nessuno aveva avuto il coraggio di ammetterlo, ma era invece abbastanza grande perché ci s’infilasse un bambino...soprattutto uno di nove anni e magro.
Due pompieri cercavano di spostarlo, ma invano. Lo sapevano già che non ci sarebbero riusciti; dai loro volti si capiva che ci avevano già provato. Probabilmente avevano deciso di fare un ulteriore tentativo a causa della presenza di Robert, quasi per evitare di dargli delle spiegazioni.
Ma Robert non era a conoscenza del tentativo dei pompieri, né di null’altro. Si avvicinò in silenzio al pezzo di stoffa accanto allo sportello. Non aveva ancora visto la bicicletta, naturalmente, per cui quella striscia era il primo contatto col figlio scomparso da oltre trenta ore. Malgrado la tela non fosse stesa del tutto, lo era quanto basta per notare i colori della bandiera degli Stati Uniti infilata nell’estremità della mazza da baseball. Nel prenderla in mano, riuscì a notare anche la palla da baseball a cui era attaccata. Era il gagliardetto che suo figlio portava sempre sulla bici; e semmai avesse avuto dei dubbi al riguardo, la calligrafia maldestra di Ben nella parte inferiore provvedeva a farli svanire: New York Yankees.
”E’ di Ben”, disse Robert girandosi con la bandierina in mano.
”era esattamente dove l’hai trovata.” Harrison mise la mano sulla spalla di Roberto. “Forse Ben è entrato in questo tubo. Non sappiamo ancora dove porta”, il commissario non riusciva a sollevare lo sguardo mentre pronunciava queste parole.
Roberto s’inginocchiò davanti allo sportello. Infilò il viso nell’apertura e gridò il nome di suo figlio più e più volte. Venne colpito da un’atmosfera umida, e l’unica risposta fu l’eco delle sue parole che rimbombavano sui muri d’acciaio di un tunnel largo una sessantina di centimetri.
Nessuno disse niente. Due lampade da cinquecento watt proiettavano ombre quiete.
Alla fine Harrison si avvicinò a Robert, lo prese per le spalle e l’allontanò dagli altri.
”Che cos’è, Thomas?” domandò Robert.
”Non si sa”, rispose Harrison. “Forse è un condotto dell’acqua. Appena riusciremo ad aprire lo sportello un altro po’, ci faremo un’idea più precisa.”

Pagina 99...#6

By On maggio 31, 2013
Pagina 99
è una rubrica che consiste nel riportarvi
la 99esima pagina di uno dei libri che ho già letto.
Perché proprio pagina 99?
Perché è un buon punto per poter capire la storia
senza però svelarne troppo!
  
La pagina 99 di questa settimana è tratta da
Benjamin
di
Federico Axat
Benjamin
...a un oblò, ed era socchiuso, ma non abbastanza affinché un adulto ci potesse passare. Nessuno aveva avuto il coraggio di ammetterlo, ma era invece abbastanza grande perché ci s’infilasse un bambino...soprattutto uno di nove anni e magro.
Due pompieri cercavano di spostarlo, ma invano. Lo sapevano già che non ci sarebbero riusciti; dai loro volti si capiva che ci avevano già provato. Probabilmente avevano deciso di fare un ulteriore tentativo a causa della presenza di Robert, quasi per evitare di dargli delle spiegazioni.
Ma Robert non era a conoscenza del tentativo dei pompieri, né di null’altro. Si avvicinò in silenzio al pezzo di stoffa accanto allo sportello. Non aveva ancora visto la bicicletta, naturalmente, per cui quella striscia era il primo contatto col figlio scomparso da oltre trenta ore. Malgrado la tela non fosse stesa del tutto, lo era quanto basta per notare i colori della bandiera degli Stati Uniti infilata nell’estremità della mazza da baseball. Nel prenderla in mano, riuscì a notare anche la palla da baseball a cui era attaccata. Era il gagliardetto che suo figlio portava sempre sulla bici; e semmai avesse avuto dei dubbi al riguardo, la calligrafia maldestra di Ben nella parte inferiore provvedeva a farli svanire: New York Yankees.
”E’ di Ben”, disse Robert girandosi con la bandierina in mano.
”era esattamente dove l’hai trovata.” Harrison mise la mano sulla spalla di Roberto. “Forse Ben è entrato in questo tubo. Non sappiamo ancora dove porta”, il commissario non riusciva a sollevare lo sguardo mentre pronunciava queste parole.
Roberto s’inginocchiò davanti allo sportello. Infilò il viso nell’apertura e gridò il nome di suo figlio più e più volte. Venne colpito da un’atmosfera umida, e l’unica risposta fu l’eco delle sue parole che rimbombavano sui muri d’acciaio di un tunnel largo una sessantina di centimetri.
Nessuno disse niente. Due lampade da cinquecento watt proiettavano ombre quiete.
Alla fine Harrison si avvicinò a Robert, lo prese per le spalle e l’allontanò dagli altri.
”Che cos’è, Thomas?” domandò Robert.
”Non si sa”, rispose Harrison. “Forse è un condotto dell’acqua. Appena riusciremo ad aprire lo sportello un altro po’, ci faremo un’idea più precisa.”

In questo mese di maggio...

By On maggio 31, 2013
Ho letto 9 libri:

* La ragazza della porta accanto - Jack Ketchum
* Come un romanzo - Daniel Pennac
* Regalo di nozze - Andrea Vitali
* Leggere - Corrado Augias
* L'isola dei morti - Valerio Massimo Manfredi
* Inferno - Dan Brown
* La passione di Artemisia - Susan Vreeland
* Perduti tra le pagine - Margherita Oggero

Ecco il mio podio:












giovedì 30 maggio 2013

Recensione "Perduti tra le pagine" di Margherita Oggero

By On maggio 30, 2013



perduti tra le pagineTitolo: Perduti tra le pagine
Autore: Margherita Oggero
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 6 maggio 2013
Pagine: 153
Prezzo: 10,00 €
Versione e-book: 2,99 €

Trama: Una classe d'asilo in visita al Salone del libro di Torino. Una baby-sitter romena appassionata di letteratura. Due coppie di genitori più o meno affannate, più o meno in crisi, più o meno felici nella giungla quotidiana, tra la routine del lavoro e le distrazioni del cuore. E, soprattutto, due bambini: Leone, che si chiama così per davvero, e Orso, che avrebbe un nome meno "feroce" ma non vuole essere da meno del suo amico. Leone e Orso non si conoscono fino a quando, proprio nella stessa mattina di caos e di carta, non si perdono entrambi tra gli stand della Fiera. E mentre le maestre, la tata e i genitori si mettono a cercarli tra i corridoi del Lingotto in un crescendo di preoccupazione, ai due dispersi si aggiunge Giulia, la fidanzatina di Orso. Questo bel "terzetto di evasi", ignorando i richiami, come in una meravigliosa avventura esplora i padiglioni e va alla scoperta delle sorprese che si nascondono tra le pagine dei libri, anche quelli dei grandi, anche quelli "senza figure". Perché i libri, a differenza degli adulti, non hanno mai fretta, non cambiano discorso nelle situazioni delicate, giocano con la fantasia e trovano le parole per ogni emozione. Una favola delicata e divertente che ci racconta quanto fitta è la trama che unisce la vita alla letteratura, quanto la poesia di una pagina può cambiare il senso della nostra piccola grande storia.

mercoledì 29 maggio 2013

Aggiungi un posto in libreria ... #11

By On maggio 29, 2013


Amori bugie e tacchi altiTitolo: Amori, bugie e tacchi alti
Autore: Rebecca Chance
Editore: Newton Compton
Pagine: 475
Trama: Jodie Raeburn è cresciuta in una modesta famiglia di un sobborgo londinese. Ha poco più di vent'anni, ma è molto ambiziosa e determinata a lavorare per un'importante rivista di moda. Come primo passo, riesce a diventare assistente del suo idolo, la temibile e glaciale Victoria Glossop, direttrice di "Style UK", che le impone una nuova identità, quella di Coco. Ad attenderla c'è una vita frenetica, in cui deve rinunciare a tutto e non è permesso sbagliare; ma non è ancora nulla in confronto a quella che farà appena sbarcata a New York, dove andrà al seguito di Victoria, promossa a "Style US". Ed è qui che Coco incontra l'uomo che le cambierà la vita, il magnate dei media e proprietario della rivista, Jacob Dupleix. Potente, magnetico e irresistibile, la trascinerà in un vortice di seduzione ed erotismo, facendole balenare davanti agli occhi una vita di lussi e successi. Tuttavia, ogni cosa ha un prezzo e delle conseguenze: Coco precipiterà in un gorgo di sesso e costrizioni e Victoria dovrà correre ai ripari se vorrà mantenere la sua posizione di comando, minacciata dalla sua stessa protetta...
Cave canemTitolo: Cave Canem
Autore: Danila Comastri Montanari
Editore: Mondadori
Pagine: 280
Trama: "Attenti al cane" è la scritta che accoglie Publio Aurelio sulla porta di una domus romana. Ma è a ben altro che bisogna fare attenzione in quella villa: il figlio del padrone di casa è stato ucciso quella notte. E un nuovo omicidio risveglia il terrore per una maledizione oscura che grava sulla casa: una sfida perfetta per Aurelio.
Cui prodest?Titolo: Cui prodest?
Autore: Danila Comastri Montanari
Editore: Mondadori
Pagine: 320
Trama: Roma, 46 d.C. Durante un inverno particolarmente freddo, la domus di Publio Aurelio Stazio diventa il terreno di caccia di un assassino feroce e crudele, che colpisce con intelligenza e sprezzo del pericolo, lasciando una vera e propria scia di sangue tra le stanze della villa. Sembra prediligere vittime omosessuali, ma comprendere la logica, il movente del killer, è impossibile. C'è un disegno dietro quelle morti, o si tratta solo di brutale follia omicida? Quale legame c'è, se c'è, tra le vittime? E, soprattutto, cui prodest?, "a chi giova?" si chiede addolorato Publio Aurelio. Persino il suo acume investigativo vacilla davanti agli unici due indizi che riesce a ritrovare: un'orma insanguinata e una pedina di latrunculi, una sorta di antichi scacchi. E così, per dare un nome e un volto all'assassino prima che torni a colpire, e fermare in questo modo la strage, il senatore ha un'unica possibilità: stanare l'astuto criminale, portarlo allo scoperto offrendo se stesso come esca.

Morituri te salutantTitolo: Morituri te salutant
Autore: Danila Comastri Montanaro
Editore: Mondadori
Pagine: 234
Trama: Roma, 45 d.C. Come sempre, i gladiatori scendono nell'arena rivolgendo il loro saluto all'imperatore: "Ave, Caesar, morituri te salutant!". "Coloro che stanno per morire ti salutano!" Qualcuno sembra aver deciso di prendere fin troppo sul serio quell'antica formula: sotto lo sguardo stupefatto del senatore Publio Aurelio Stazio, dell'imperatore Claudio e di migliaia di romani, infatti, l'asso dell'arena, l'imbattibile, colossale Chelidone, si accascia al suolo inspiegabilmente. Non c'è nulla da fare, è morto. Preoccupato, Claudio convoca al Palatino l'amico Publio Aurelio e, in via riservatissima, gli affida l'indagine sulla morte improvvisa quanto inspiegabile del gladiatore. Il senatore non immagina certo in quale rete di intrighi resterà presto invischiato. Perché, partendo dal cadavere di Chelidone, la sua indagine finirà per coinvolgere le più alte autorità dell'impero, scoprendo un disegno criminale che estende le sue trame ben oltre i confini dell'arena.
Parce sepultoTitolo: Parce Sepulto
Autore: Danila Comastri Montanaro
Editore: Mondadori
Pagine: 237
Trama: Roma, 45 d.C. Il senatore Publio Aurelio Stazio si appresta a trascorrere una serena giornata di festa alle nozze di Lucilla, figlia del celebre retore Arriano, con il discepolo prediletto di costui, il brillante Ottavio. Ma le sue aspettative sono presto frustrate: la sposa, infatti, viene ritrovata cadavere in una vasca di fanghi termali. Sembra essere stata stroncata da un malore durante i preparativi. Parce sepulto, "Lascia in pace i morti". Non tutti i defunti, però, possono essere in pace. Non le vittime di crimini che reclamano giustizia, come ben sa il senatore. E, anche nel decesso di Lucilla, qualcosa non lo convince: perché, per esempio, la ragazza è morta tenendo un dito alzato, come a indicare il cielo? E quali segreti nasconde Camilla, la gemella di Lucilla, identica nell'aspetto ma molto diversa nei costumi? Infine, perché Arriano sembra affannarsi goffamente a nascondere le tracce del proprio passato? Quando un altro cadavere compare sulla scena, Publio Aurelio Stazio sa che il suo fiuto per il crimine non l'ha ingannato. E inizia a indagare...

Aggiungi un posto in libreria ... #11

By On maggio 29, 2013


Amori bugie e tacchi altiTitolo: Amori, bugie e tacchi alti
Autore: Rebecca Chance
Editore: Newton Compton
Pagine: 475
Trama: Jodie Raeburn è cresciuta in una modesta famiglia di un sobborgo londinese. Ha poco più di vent'anni, ma è molto ambiziosa e determinata a lavorare per un'importante rivista di moda. Come primo passo, riesce a diventare assistente del suo idolo, la temibile e glaciale Victoria Glossop, direttrice di "Style UK", che le impone una nuova identità, quella di Coco. Ad attenderla c'è una vita frenetica, in cui deve rinunciare a tutto e non è permesso sbagliare; ma non è ancora nulla in confronto a quella che farà appena sbarcata a New York, dove andrà al seguito di Victoria, promossa a "Style US". Ed è qui che Coco incontra l'uomo che le cambierà la vita, il magnate dei media e proprietario della rivista, Jacob Dupleix. Potente, magnetico e irresistibile, la trascinerà in un vortice di seduzione ed erotismo, facendole balenare davanti agli occhi una vita di lussi e successi. Tuttavia, ogni cosa ha un prezzo e delle conseguenze: Coco precipiterà in un gorgo di sesso e costrizioni e Victoria dovrà correre ai ripari se vorrà mantenere la sua posizione di comando, minacciata dalla sua stessa protetta...
Cave canemTitolo: Cave Canem
Autore: Danila Comastri Montanari
Editore: Mondadori
Pagine: 280
Trama: "Attenti al cane" è la scritta che accoglie Publio Aurelio sulla porta di una domus romana. Ma è a ben altro che bisogna fare attenzione in quella villa: il figlio del padrone di casa è stato ucciso quella notte. E un nuovo omicidio risveglia il terrore per una maledizione oscura che grava sulla casa: una sfida perfetta per Aurelio.
Cui prodest?Titolo: Cui prodest?
Autore: Danila Comastri Montanari
Editore: Mondadori
Pagine: 320
Trama: Roma, 46 d.C. Durante un inverno particolarmente freddo, la domus di Publio Aurelio Stazio diventa il terreno di caccia di un assassino feroce e crudele, che colpisce con intelligenza e sprezzo del pericolo, lasciando una vera e propria scia di sangue tra le stanze della villa. Sembra prediligere vittime omosessuali, ma comprendere la logica, il movente del killer, è impossibile. C'è un disegno dietro quelle morti, o si tratta solo di brutale follia omicida? Quale legame c'è, se c'è, tra le vittime? E, soprattutto, cui prodest?, "a chi giova?" si chiede addolorato Publio Aurelio. Persino il suo acume investigativo vacilla davanti agli unici due indizi che riesce a ritrovare: un'orma insanguinata e una pedina di latrunculi, una sorta di antichi scacchi. E così, per dare un nome e un volto all'assassino prima che torni a colpire, e fermare in questo modo la strage, il senatore ha un'unica possibilità: stanare l'astuto criminale, portarlo allo scoperto offrendo se stesso come esca.

Morituri te salutantTitolo: Morituri te salutant
Autore: Danila Comastri Montanaro
Editore: Mondadori
Pagine: 234
Trama: Roma, 45 d.C. Come sempre, i gladiatori scendono nell'arena rivolgendo il loro saluto all'imperatore: "Ave, Caesar, morituri te salutant!". "Coloro che stanno per morire ti salutano!" Qualcuno sembra aver deciso di prendere fin troppo sul serio quell'antica formula: sotto lo sguardo stupefatto del senatore Publio Aurelio Stazio, dell'imperatore Claudio e di migliaia di romani, infatti, l'asso dell'arena, l'imbattibile, colossale Chelidone, si accascia al suolo inspiegabilmente. Non c'è nulla da fare, è morto. Preoccupato, Claudio convoca al Palatino l'amico Publio Aurelio e, in via riservatissima, gli affida l'indagine sulla morte improvvisa quanto inspiegabile del gladiatore. Il senatore non immagina certo in quale rete di intrighi resterà presto invischiato. Perché, partendo dal cadavere di Chelidone, la sua indagine finirà per coinvolgere le più alte autorità dell'impero, scoprendo un disegno criminale che estende le sue trame ben oltre i confini dell'arena.
Parce sepultoTitolo: Parce Sepulto
Autore: Danila Comastri Montanaro
Editore: Mondadori
Pagine: 237
Trama: Roma, 45 d.C. Il senatore Publio Aurelio Stazio si appresta a trascorrere una serena giornata di festa alle nozze di Lucilla, figlia del celebre retore Arriano, con il discepolo prediletto di costui, il brillante Ottavio. Ma le sue aspettative sono presto frustrate: la sposa, infatti, viene ritrovata cadavere in una vasca di fanghi termali. Sembra essere stata stroncata da un malore durante i preparativi. Parce sepulto, "Lascia in pace i morti". Non tutti i defunti, però, possono essere in pace. Non le vittime di crimini che reclamano giustizia, come ben sa il senatore. E, anche nel decesso di Lucilla, qualcosa non lo convince: perché, per esempio, la ragazza è morta tenendo un dito alzato, come a indicare il cielo? E quali segreti nasconde Camilla, la gemella di Lucilla, identica nell'aspetto ma molto diversa nei costumi? Infine, perché Arriano sembra affannarsi goffamente a nascondere le tracce del proprio passato? Quando un altro cadavere compare sulla scena, Publio Aurelio Stazio sa che il suo fiuto per il crimine non l'ha ingannato. E inizia a indagare...

By On maggio 29, 2013
Questa volta, rubo dalla pagina Facebook di Stefania,
una mia carissima amica.
La sua pagina potete trovarla qui:
Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting

Untitled 
Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting Photobucket - Video and Image Hosting 
Untitled

By On maggio 29, 2013
Questa volta, rubo dalla pagina Facebook di Stefania,
una mia carissima amica.
La sua pagina potete trovarla qui:
Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting

Untitled 
Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting Photobucket - Video and Image Hosting 
Untitled
By On maggio 29, 2013
Create your own banner at mybannermaker.com!

Ecco di nuovo l' Online Link Party
organizzato da
Online Fashion Gastro Blog

Che aspettate?
Partecipare vi aiuterà a far conoscere i vostri blog
ed aumentare il numero di visitatori e di follower...
che è sempre una bella soddisfazione, no?!!!

By On maggio 29, 2013
Create your own banner at mybannermaker.com!

Ecco di nuovo l' Online Link Party
organizzato da
Online Fashion Gastro Blog

Che aspettate?
Partecipare vi aiuterà a far conoscere i vostri blog
ed aumentare il numero di visitatori e di follower...
che è sempre una bella soddisfazione, no?!!!