image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Il Libridinoso

Molti di voi, ieri, mi hanno giustamente fatto notare che il lavoro da me pubblicato in forma grafica, era poco visibile sul blog. La soluzione più ovvia, è quella di scaricare l'immagine sul pc e zoomarla. In ogni caso, provvedo subito a trascrivere il testo per chi di voi non ha voglia di scaricarla!

SINDROME DEL LIBRIDINOSO

Il soggetto affetto da questa sindrome è riconoscibile ogni qualvolta ci si trovi in presenza di una libreria, di una biblioteca od i qualsivoglia luogo contenente libri.
Il Libridinoso, in questo casa, non potrà resistere dall'annusare, sfogliare e, ovviamente, acquistare tutto ciò che le sue finanze gli consentono.
Una delle caratteristiche tipiche del nostro soggetto è quella di compilare infinite liste di libri che ha intenzione di acquistare. Anche quando si ritroverò sommerso di libri da leggere e pur essendo cosciente che non gli basterà l'intera vita per smaltire tutto ciò che ha accumulato, il Libridinoso continuerà a desiderarne altri!
Il Libridinoso vive in case in cui i libri occuperanno sempre tutto lo spazio disponibile.
Nei luoghi pubblici, il Libridinoso è riconoscibile per alcune sue tipiche caratteristiche:

il soggetto tende ad avere un'andatura dondolante ed obliqua dovuta al peso dei libri che porta in borsa. Negli ultimi periodi, questo problema è stato parzialmente risolto dall'avvento degli e-reader, cui, anche se stentatamente, molti Libridinosi si sono convertiti;

in fila alla posta, dal medico o in qualunque altro posto, il Libridinoso sarà costantemente superato da chi lo segue, in quanto impegnato nella lettura e, quindi, disattento al trascorrere del tempo (e della fila!);

durante i viaggi in treno, metro o tram, il Libridinoso si sottopone ad estenuanti contorsionismi che gli consentano di scoprire il titolo del libro che sta leggendo il suo vicino. Anche in questo caso, la soluzione sarebbe facilmente praticabile: si raccomanda ai lettori da viaggio di rendere ben visibile le copertine dei libri che stanno leggendo, in modo da non costringere il nostro soggetto a rischiare rovinose cadute dai sedili dei mezzi pubblici;

nelle libreria, il Libridinoso è colui che guarda di traverso ogni commesso. Questo suo modo di fare è dovuto, principalmente, a due motivi: innanzitutto, il sogno di di ogni Libridinoso è quello di lavorare  in una libreria, se non, addirittura, di possederne una propria; secondariamente, il Libridinoso tende a saperne sempre più di chi i libri li vende, il che lo porta a pensare: "Perché hanno assunto te e non me?" e, ovviamente, odiare il soggetto in questione.

Una cosa da non fare mai è quella di chiedere in prestito i libri ad un Libridinoso. Il soggetto potrebbe reagire in vari modi, alcuni anche umilianti, quali, ad esempio, allungarvi una banconota da 20 euro e dirvi di andare in una libreria ed acquistare il libro.
Raramente i Libridinosi si accoppiano tra loro. La gelosia nei confronti dei propri libri, l'incapacità di accettare che un'altra persona in casa li tocchi, li annusi, addirittura osi leggerli, l'impossibilità di accettare critiche nei confronti dei propri autori preferiti, fanno sì che un Libridinoso tenda a circondarsi di amici lettori, ma a non accoppiarsi mai con uno di essi. Nei rari casi in cui ciò accade, il rischio (elevato) è che i due soggetti non parlino mai se non attraverso messaggi lasciati sulle copertine dei libri e, addirittura, nel tempo, rischino di non vedersi più pur vivendo sotto lo stesso tetto, ma essendo costretti a destreggiarsi tra colonne instabili di libri!
Il Libridinoso, dopo aver effettuato un acquisto, sperimenta un sentimento di pace e armonia con l'universo che lo circonda, altrimenti detto 'libridine estatica'.
Il Libridinoso dopo aver terminato la lettura di un libro che ha amato, sente il bisogno fisiologico di condividere quanto letto, di chiamare un altro Libridinoso al telefono, d inviargli un messaggio, una mail, un piccione viaggiatore, per fargli sapere che il libro lo ha emozionato, ha conquistato la sua anima e farà parte di lui per sempre.
Il Libridinoso risulta spesso agli occhi dei non-lettori come un essere strano, incomprensibile, solitario. Del resto, un essere che acquista libri anziché vestiti, che spegne la tv per perdersi tra pagine fitte d'inchiostro, che preferisce una serata di letture sul divano ad una serata in discoteca può risultare affetto da un'inquietante forma di anacronismo.

Laura e Stefania

Per chiunque di voi avesse piacere di scaricare e conservare lo scritto nella sua versione grafica, ve lo lascio alla fine di questo post!

il libridinoso

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento