image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Una pagina da... #30

Una pagina da… è la rubrica del mercoledì in cui vi riporto la pagina che sto leggendo del libro che leggendo (scusate il gioco di parole!).

Sto ancora leggendo (tempo tiranno!)

L'amante della Regina Vergine

di

Philippa Gregory

<<Un uomo libero?>> chiese Elisabetta con la voce molto bassa. <<Vi considerate un uomo libero?>>
<<Sì>>, rispose lui con fermezza. <<Sono libero di amare di nuovo, e questa volta non avrò altro che il meglio. Non permetterò che le monete vili offuschino l'oro.>>
<<Certo.>> Elisabetta assunse all'improvviso un'espressione distaccata, allontanandosi da un'intimità troppo pericolosa.
Si voltò e chiamò la dama che prima aveva allontanato. <<Mi serve quello scialle, ora>>, le disse. <<Potete passeggiare con noi.>>
Proseguirono in silenzio, mentre Elisabetta assimilava ciò che lui le aveva detto, cercando di distinguere la verità dall'apparenza. Non era tanto sciocca da credere alla parola di un uomo sposato. Accanto a lei Roberto ripensò a ciò che aveva detto, sforzandosi di ignorare una fastidiosa sensazione di slealtà nei confronti di Amy il cui amore, lo sapeva, era sempre stato più fedele e più forte di quanto lui aveva descritto. Naturalmente, aveva del tutto negato l'affetto che ancora provava per lei.

Mentre la Regina, assisa sul trono, intratteneva l'ambasciatore spagnolo parlando fluentemente la sua lingua, Cecil si era appartato nel vano di una finestra con sir Francis Knollys e con il giovane zio della Regina, il ventiquattrenne Thomas Howard, duca di Norfolk.
<<Dobbiamo trovare il modo di perquisire chiunque si accosti alla Regina, anche i gentiluomini di corte>>, stava dicendo.
<<Questo recherebbe grave offesa>>, obiettò il duca. <<E di certo la minaccia proviene dalla gente del popolo.>>
<<Proviene da ogni papista convinto>>, sbottò Cecil. <<La dichiarazione del Papa, una volta resa pubblica, la renderà un agnello pronto per il sacrificio, più di quanto lo sia mai stata.>>
<<Non può più pranzare in pubblico>>, osservò sir Francis, pensoso. <<Dovremo rifiutare al popolo il permesso di venire a vederla pranzare.>>

PAGINA 109

l'amante della regina vergine

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento