image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Una pagina da... #22

Una pagina da… è la rubrica del mercoledì in cui vi riporto la pagina che sto leggendo.

E anche quest'oggi, vi riporto una pagina tratta da

Il giardino dei segreti

di

Kate Morton

... cottage.Eliza non si faceva vedere alla villa da settimane. Giorno dopo giorno lui aspettava vicino al cancello del labirinto, ma lei continuava a tormentarlo con la sua assenza.
E ora, come se non bastasse, aveva scoperto di avere un avversario. Tre giorni prima, una mattina, si era trovato di fronte a uno spettacolo assai sgradevole. Mentre aspettava Eliza come sempre, aveva visto uscire dal cancello del labirinto nientemeno che il pittore, il nuovo marito. Linus ne era rimasto sconvolto. Come si permetteva, quell'uomo, di varcare quei cancelli? Di passare con tanta sfrontatezza dove lui non riusciva ad andare? Infinite domande gli bruciavano dentro la testa. L'aveva vista? Le aveva parlato? L'aveva guardata negli occhi? Era impensabile che il pittore ronzasse attorno al suo trofeo.
Ma alla fine aveva vinto Linus. Finalmente quel giorno la sua pazienza era stata premiata.
Inspirò. L'immagine si stava rivelando. Con l'aiuto della sola luce rossa della camera oscura, si chinò a guardare. Lo sfondo era scuro – le siepi del labirinto – ma al centro si schiariva, proprio dove Eliza era entrata nell'inquadratura. Lei lo aveva visto, e lui si era sentito avvolgere dal piacere. L'aveva colta di sorpresa, con gli occhi sgranati, le labbra socchiuse, come un animale intrappolato in un angolo.
Linus scrutò dentro la bacinella colma di liquido per lo sviluppo. Eccola. Il bianco dell'abito, la vita sottile... oh, quanto desiderava posare le mani su quella vita, sentire il suo respiro leggero agitarsi spaurito dentro il petto. E il collo, oh, il suo collo delicato e pallido, che pulsava al ritmo del suo cuore, proprio come quello della madre. Linus socchiuse gli occhi e rivide il collo della sua poupée attraversato dal solco rosso. Anche lei aveva cercato di lasciarlo.
Si trovava nella camera oscura, quando l'aveva vista per l'ultima volta. Stava tagliando dei cartoncini per comporre la sua ultima raccolta di stampe: bruchi delle regioni occidentali. Era entusiasta di quelle fotografie, al punto che aveva perfino...

PAGINA 410

il giardino dei segreti

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento