image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Pagina 69 #15

64102_508634949204915_1924591245_n

Un libro adatto a chi ama la storia e i documentari

  

... le manate, le macchie lasciate da mercanzie o dai corpi che si appoggiano al muro... Non è il solo tocco di eleganza: sopra ogni finestra una linea di mattoni emerge dall' intonaco, disegnando un piccolo arco. Da sotto, sembra quasi che le finestre abbiano delle "sopracciglia" rosse. E non è finita. C' è anche uno stretto balcone che corre lungo tutto il primo piano dell' insula, unendo i vari appartamenti. i romani lo chiamano Maenianum, ed è un vero piccolo lusso per i suoi proprietari, qualcosa di paragonabile a un giardinetto o a un terrazzo. Soprattutto qualcosa che gli altri non hanno e che consente di uscire a prendere un po' d' aria, un po' di luce e forse tenere qualche pianta nei vasi.
In effetti i romani, come noi, amano le piante in casa: lungo le balconate e alle finestre delle insulae si possono vedere una moltitudine di vasi con fiori, esattamente come accade nei nostri condomini. Alcuni appassionati arrivano a coltivare piccoli giardini pensili, come testimonia Plinio il Vecchio.
Questo amore per il verde accomuna molto la Roma antica a quella attuale: innumerevoli insulae sono ricoperte di rampicanti che salgono e avvolgono le ringhiere dei balconi o fanno da cornice alle finestre. Nelle strade sono tanti gli alberi che crescono accarezzando le pareti delle insulae e a volte se ne servono come di un appoggio. La Roma imperiale, insomma, è una città verde. Una caratteristica che sembra immutata nella città attuale, quasi non fossero passati un po' meno di venti secoli. Sono piccole cose, ma ci fanno capire quanto siamo simili ai romani di allora (e viceversa). Soprattutto nella vita quotidiana rappresentiamo, in un certo senso, l' evoluzione moderna del mondo romano, filtrata attraverso i secoli di storia che ci separano.
Come ha sottolineato Jérome Carcopino, uno dei maggiori studiosi dell' età romana, confrontando una casa di via dei Cappellari a Roma o di via dei Tribunali a Napoli con un' insulae di Ostia si scoprono non solo profonde similitudini ma a volte addirittura coincidenza perfette, persino nella planimetria... Probabilmente un antico romano di allora, osservando i nostri caseggiati del centro storico, si sentirebbe a casa propria. Il lungo balcone del primo piano non è l' unico. Ce ne sono altri, di dimensioni minori e di legno, ai piani superiori. Sono piccoli privilegi...

La pagina 69 di questa settimana è tratta da

Una giornata nell' antica Roma

di

Alberto Angela

una giornata nell'antica roma

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento