image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Pagina 99 #9

PAGINA 99
vi riporta la 99esima pagina di un libro
che ho già letto.
Perché proprio pagina 99?
Perché è un buon punto per poter capire la storia
senza però svelarne troppo!
   
Visto che oggi è il giorno del mio compleanno
ho deciso di riportarvi la pagina 99
di uno dei libri che ho amato di più
nella mia vita di lettrice:
Amabili resti
di
Alice Sebold

 

“Ma che significa?”
Il tè era diventato freddo gelato e la campanella della prima ora era già suonata. Ruth sorrise dentro la tazza. “Beh, come direbbe mio padre, significa che non sta più in questo buco di merda.”
Quando mio padre bussò a casa di Ray Singh, vedendo Ruana, la madre di Ray, ammutolì. Non che lei fosse particolarmente ospitale e certo non poteva dirsi un tipo solare; ma qualcosa nei suoi capelli scuri e nei suoi occhi grigi, e anche lo strano modo in cui sembrò indietreggiare dopo aver aperto la porta, lo lasciarono senza parole.
Aveva sentito i commenti spicci che i poliziotti facevano su di lei; secondo loro era una donna fredda e snob, altezzosa e strana. Lui, quindi, se l’era aspettata così.
“Prego, si accomodi” gli disse lei quando si presentò. Al nome Salmon, i suoi occhi, da porte chiuse che erano, si spalancarono, aprendo stanze buie che lui avrebbe voluto esplorare senza intermediari. Mentre lei lo guidava verso il minuscolo salotto, perse quasi l’equilibrio. Per terra c’erano dei libri aperti, con la copertina verso l’alto; altre tre file di libri erano appoggiate una dietro l’altra contro il muro. Lei indossava un sari giallo, da sotto il quale spuntavano dei pantaloni di lamé dorato. Aveva i piedi nudi. Attraversò silenziosamente la stanza con la moquette e si fermò davanti al divano. “Vuole qualcosa da bere?” gli chiese e lui annuì.
“Caldo o freddo?”
“Caldo”.
Mentre lei girava un angolo ed entrava in una stanza che da lì non riusciva a vedere, mio padre si sedette sul divano foderato di stoffa scozzese marrone. Alle finestre, con i libri allineati sotto, c’erano lunghe tende di mussola...


Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento