Enter your keyword

giovedì 30 maggio 2013

Recensione "Perduti tra le pagine" di Margherita Oggero




perduti tra le pagineTitolo: Perduti tra le pagine
Autore: Margherita Oggero
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 6 maggio 2013
Pagine: 153
Prezzo: 10,00 €
Versione e-book: 2,99 €

Trama: Una classe d'asilo in visita al Salone del libro di Torino. Una baby-sitter romena appassionata di letteratura. Due coppie di genitori più o meno affannate, più o meno in crisi, più o meno felici nella giungla quotidiana, tra la routine del lavoro e le distrazioni del cuore. E, soprattutto, due bambini: Leone, che si chiama così per davvero, e Orso, che avrebbe un nome meno "feroce" ma non vuole essere da meno del suo amico. Leone e Orso non si conoscono fino a quando, proprio nella stessa mattina di caos e di carta, non si perdono entrambi tra gli stand della Fiera. E mentre le maestre, la tata e i genitori si mettono a cercarli tra i corridoi del Lingotto in un crescendo di preoccupazione, ai due dispersi si aggiunge Giulia, la fidanzatina di Orso. Questo bel "terzetto di evasi", ignorando i richiami, come in una meravigliosa avventura esplora i padiglioni e va alla scoperta delle sorprese che si nascondono tra le pagine dei libri, anche quelli dei grandi, anche quelli "senza figure". Perché i libri, a differenza degli adulti, non hanno mai fretta, non cambiano discorso nelle situazioni delicate, giocano con la fantasia e trovano le parole per ogni emozione. Una favola delicata e divertente che ci racconta quanto fitta è la trama che unisce la vita alla letteratura, quanto la poesia di una pagina può cambiare il senso della nostra piccola grande storia.

Voti:

Trama  7
Personaggi  8
Stile  7
Incipit  7
Finale  7
Copertina  10
Voto complessivo  7.7


Salone del Libro, Torino. Il sogno di ogni lettore! E’ una mattina come tante al Lingotto, quando Cotrina, baby-sitter di Leone, lo lascio in balìa di un’amica per andare ad incontrare il suo autore preferito. Ma Leone si annoia lì, tutto solo e con in mano un libro che non gli piace. Così, durante un attimo di distrazione della ragazza che dovrebbe badare a lui, scappa via. Nel suo girovagare, Leone incontra Minuccio (detto Orso, perché fa più figo!). Orso è lì con la sua classe d’asilo e anche lui decide di fuggire via e di seguire Leone. E poi c’è Giulia, la piccola principessa, la fidanzatina di Orsa che, ad un certo punto, si getta con loro nell’avventura!
E mentre i tre bambini girovagano tra corridoi di libri e scaffali infiniti, inventando le loro personali storie, le maestre e la baby-sitter affrontano il panico assoluto.
Cotrina, la baby-sitter, è terrorizzata da ciò che può essere successo a Leone e dalle conseguenze che questa disavventura potrebbe avere.
Le due giovani maestre devono dividersi tra l’accudire i bambini rimasti, il subire l’ira della direttrice e il panico perché non riescono a trovare i due bambini scomparsi.
In tutto ciò, abbiamo 6 genitori che fanno da sfondo. I genitori di Leone, Gloria e Daniele. Gloria è in una lussuosa clinica dove ha appena dato alla luce la sorellina di Leone. Daniele, invece, è in autostrada: fa il dj e sta rientrando a casa, affiancato, come sempre, da una ragazza rimorchiata la sera prima. Quando gli viene comunicata la scomparsa del figlio, Daniele molla la ragazza in autogrill e comincia a fare promesse a Dio, giurando che, se ritroveranno Leone sano e salvo, non tradirà più la moglie!
I genitori di Orso, invece, sono fissati col cibo biologico, le fibre naturali e la vita in campagna. Nel frattempo, Orso sta divorando barrette di Twix, hot-dog e Coca Cola!
Infine, i genitori di Giulia: col padre che picchia la madre e lei che non riesce a reagire neanche in nome della sua bambina.
L’avventura dei loro figli porterà, sicuramente, qualche cambiamento nella vita di ognuno!
E’ un libro leggero, piacevole, dove i libri fanno da sfondo alle avventure di tre bambini che, forse, sono più maturi degli adulti che li circondano!
E’ uno di quei libri che si leggono in un paio d’ore, che strappa qualche sorriso e, forse, anche qualche riflessione!

L’ autore: Margherita Oggero nasce a Torino il 22 marzo 1940 ed è una scrittrice e un’ insegnante in pensione. E’ autrice di molti libri ambientati nel mondo della scuola. Dal suo romanzo d’esordio del 2002 si intitola La ragazza tatuata è stato tratto il film Se devo essere sincera con Luciana Littizzetto.oggeroLa Oggero ha insegnato lettere per 33 anni, dalle medie ai licei. Ha raccontato a centinaia di ragazzi la letteratura italiana e si può affermare che molti di loro hanno uno dei suoi libri nello scaffale.
Dopo gli anni di insegnamento, nel periodo della pensione si dedica alla scrittura e da qui nasce la serie di romanzi che conquisterà anno dopo anno il pubblico. Prima La collega tatuata, poi Una piccola bestia ferita, L’amica americana, Così parlò il nano da giardino e Qualcosa da tenere con sé.

La mia valutazione: Photobucket - Video and Image Hosting Photobucket - Video and Image Hosting Photobucket - Video and Image Hosting Photobucket - Video and Image Hosting


Nessun commento:

Posta un commento