image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Aggiungi un posto in libreria...#6


LTitolo: L’ipotesi del male
Autore: Donato Carrisi
Editore: Longanesi
Pagine: 432
Trama: C'è una sensazione che tutti, prima o poi, abbiamo provato nella vita: il desiderio di sparire. Di fuggire da tutto. Di lasciarci ogni cosa alle spalle. Ma per alcuni non è solo un pensiero passeggero. Diviene un'ossessione che li divora e li inghiotte. Queste persone spariscono nel buio. Nessuno sa perché. Mila Vasquez invece è circondata dai loro sguardi. Ogni volta che mette piede nell'ufficio persone scomparse dove lavora, centinaia di occhi la fissano dalle pareti della stanza dei passi perduti, ricoperte di fotografie. Per lei, è impossibile dimenticare chi è svanito nel nulla. Forse per questo Mila è la migliore in ciò che fa: dare la caccia a quelli che il mondo ha dimenticato. Ma se d'improvviso alcuni scomparsi tornassero con intenzioni oscure? Sembrano identici a prima, questi scomparsi, ma il male li ha cambiati. Alla domanda su chi li ha presi, se ne aggiungono altre. Dove sono stati tutto questo tempo? E perché sono tornati?

Biscotti, dolcetti e una tazza di tèTitolo: Biscotti, dolcetti e una tazza di tè
Autore: Vanessa Greene
Editore: Newton Compton
Pagine: 311
Trama: Jenny ha ventisei anni, lavora nell'editoria e passa tutto il tempo che ha a disposizione a organizzare il matrimonio dei suoi sogni. Maggie gestisce un negozio di fiori e si è lasciata alle spalle un rapporto doloroso. Alison sembra avere una vita perfetta: ha sposato il suo primo amore e ha due splendide figlie. Jenny, Maggie ed Alison - tre donne in tre fasi della vita diverse eppure vicine - si ritrovano un giorno in un mercatino dell'antiquariato a contrattare per accaparrarsi lo stesso servizio da tè. Per uscire da quella strana situazione decidono di acquistarlo in società e condividerlo, e giorno dopo giorno, tazza di tè dopo tazza di tè, tra chiacchiere, pettegolezzi e piccoli segreti, finiranno per scoprire un'amicizia che cambierà le loro vite.
La casa delle vergini
Titolo: La casa delle vergini
Autore: Amy McKay
Editore: Neri Pozza
Pagine: 336
Trama: Nel 1871 a New York le grandi Avenue sono piene di immagini di benessere, luminose e sgargianti: case che brillano con la loro illuminazione a gas; uomini d'affari che camminano a passo svelto nei loro bei completi di ottimo taglio. Basta, però, avventurarsi in una strada laterale per imbattersi in tutt'altra visione. A Chrystie Street, ad esempio, vivere comporta anche avere eccellenti probabilità di morire, uccisi dalle malattie o dalla fame, dalla rabbia di un vicino, o di propria mano. Moth è nata nella zona più povera di Chrystie Street, da una chiromante dei bassifondi e da un uomo scappato di casa quando lei aveva tre anni. Il destino di Moth è alla Bowery, la zona della città piena di case vistose e chiassose, sale da ballo, alberghi di terza categoria, teatri di varietà. Lì Moth incontra Miss Everett, una bruna raffinata e affascinante, che al 73 della East Houston Street gestisce una pensione speciale che ospita "cinque giovani signorine il cui allegro temperamento tende a scacciare la malinconia". Moth viene accolta al 73 della East Houston Street e istruita con eleganza da Miss Everett che le insegna a comportarsi come una lady e a soddisfare nel modo migliore le necessità di un gentiluomo. Nella casa Moth fa, tuttavia, anche la conoscenza della dottoressa Sadie, una donna raffinata e colta, che le insegna, invece, ad avere rispetto e cura di sé e a cercare di sottrarre il proprio corpo e la propria anima a un destino forse ineluttabile.
Che tu sia per me il coltello
Titolo: Che tu sia per me il coltello
Autore: David Grossman
Editore: Mondadori
Pagine: 336
Trama: In un gruppo di persone, un uomo vede una donna sconosciuta che con un gesto quasi impercettibile sembra volersi isolare dagli altri. Commosso, Yair le scrive, proponendole un rapporto profondo, aperto, libero da qualsiasi vincolo, ma esclusivamente epistolare. Più che una proposta è un'implorazione e Myriam ne resta colpita, forse sedotta. Un mondo privato si crea così fra loro, ognuno dei due offre all'altro ciò che mai avrebbe osato dare ad alcuno, e in questo processo di svelamento Yair e Myriam scoprono l'importanza dell'immaginazione nei rapporti umani e la sensualità che si nasconde nelle parole. Finché Yair si rende conto che le lettere di quella donna stanno aprendo un varco dentro di lui, gli chiedono con imperiosa delicatezza una svolta nella sua vita interiore. Il risultato è un romanzo avvolgente e "impudico" che ci mostra quanta strada bisogna percorrere per vincere la paura e arrivare a toccare liberamente, con pienezza, l'anima (e il corpo) di un altro essere umano.
Cose che voglio dire alle mie figlie
Titolo: Cose che voglio dire alle mie figie
Autore: Elisabeth Noble
Editore: Corbaccio
Pagine: 364
Trama: Quando Barbara capisce che la malattia che l'affligge è al suo stadio terminale decide di scrivere alle sue quattro figlie, consapevole del fatto che dovranno affrontare le sfide della vita senza di lei. Del resto, come può abbandonarle quando hanno ancora tanto da imparare? C'è Lisa, per esempio, trentenne incapace di affrontare le proprie responsabilità; oppure Jennifer, intrappolata in un matrimonio ormai logoro e così chiusa in se stessa da rischiare di esplodere; o ancora Amanda, ventenne, viaggiatrice, sempre lontana dal resto della famiglia; e infine c'è Hannah, teenager sull'orlo della maturità costretta ad affrontare questa età delicata senza madre. Ma la saggezza di cui sono pervase le lettere e il diario di Barbara e l'amore che solo una madre può avere per i propri figli aiuteranno le ragazze a farsi una ragione della perdita e forse permetteranno loro di liberarsi dei propri fardelli e vivere la vita.

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento